Sorteggi Uefa Champions League e Europa League

Champions League

Nyon è stato il palcoscenico dove si sono tenuti i sorteggi per gli ottavi di Champions League. Nelle urne erano presenti le uniche due italiane che si sono qualificate dopo aver superato la fase a gironi, ovvero Roma e Juventus, mentre assente il Napoli che nel suo girone si è classifica terza e che perciò è stata retrocessa in Europa Leaugue.
I pericoli erano molti per entrambe le formazioni, che avevano il rischio di esser sorteggiate con corazzate come Bayern, Barcellona, Psg e Real Madrid, che avrebbero potuto affrontare nelle giornate del 13, 14, 20 e 21 febbraio (andata) e del 6, 7, 13 e 14 marzo (ritorno).

 

xabi.alonso.sorteggio.champions.tottenham.2017.2018.750x450

 

La Roma, essendosi aggiudicato il primato nel suo girone di ferro, (dove erano presenti Chelsea e Atletico) era inserita nell’urna delle teste di serie e ciò comportava la possibilità di avere come avversario una squadra classificatasi come seconda nei gironi, esclusion fatta per il Chelsea già affrontato. Ciò rendeva meno pericoloso il sorteggio per i giallorossi, almeno sulla carta, poiché come seconde si erano classificati i campioni uscenti del Real Madrid e il Bayer Monaco. Fortunatamente Xabi Alonso (ex giocatore invitato a presenziare ai sorteggi odierni) ha estratto la sfera che conteneva il nome dello Shaktar. La squadra ucraina sulla carta è un avversario sicuramente alla portata della Roma ammirata fin qui, in grado di battere vere e proprie potenze calcistiche europee e mostrando un bel gioco. Nonostante queste premesse è obbligatorio per i giallorossi non sottovalutare l’avversario che nel proprio girone ha estromesso il Napoli, riuscendo anche a battere il Munchester City.

Lo Shaktar, guidato da Fonseca, schiera un 4-2-3-1 che presenta tanta fantasia grazie ai tre giocatori a ridosso della prima punta. I vari Marlos Bernard e Tayson riescono a dare imprevedibilità e a costruire trame di gioco eleganti che possono mettere in difficoltà molte difese. Proprio la difesa sembra essere il punto debole degli ucraini che si affidano al sempre instancabile Srna, capitano e leader, ma che poi non può sempre fare affidamento su una difesa non solida e su un portiere ormai attempato, quale Piatov. Questo accoppiamento è la riedizione dell’ottavo di finale anno 2010/2011.

 

25287083_1256878394456210_2136733339_n

 

La Juve, classificata come seconda nel proprio girone, dopo il Barcellona, correva molti pericoli nell’urna di Nyon, primo fra tutti il temibile PSG che può sfoggiare un tridente da favola con Cavani, Mbappè e Neymar.
Dall’urna è stato estratto il Tottenham, una delle cinque squadre inglesi presenti nelle urne. A prima vista può sembrare una pescata fortunata per i bianconeri, soprattutto vedendo i pericoli scampati, ma il Tottenham è un avversario ostico. Gli inglesi si sono aggiudicati uno dei gironi più difficili della precedente fase, riuscendo a classificarsi come primi nonostante la presenza del Real Madrid e del Borussia Dortmund. Si presentano alla competizione come outsider, potendo contare su il giusto mix tra gioventù e talento: una squadra solida a partire dal portiere Lloris, uno dei migliori estremi difensori nel panorama europeo, che guida una difesa solida che fa perno sul duo belga Vertonghen-Alderwilend. I veri pezzi pregiati della squadra guidata da Pochettino si trovano più avanti, come Son e Dele Alli (giocatore fenomenale e già affermatosi nonostante la giovane età) che hanno il compito di mettere in moto il centravanti, Harry Kane, una vera e propria macchina da gol. Questo sarà il primo confronto europeo tra la due squadre e si prospettano du partite di grande spettacolo.

 

25188391_1256878497789533_766138907_n

 

Europa League

Un’ora dopo il sorteggio Champions è stato il turno dell’Europa League, torneo nel quale concorrono quattro formazioni italiane. L’Atalanta, il Milan e la Lazio, che si sono qualificate vincendo i rispettivi gironi, erano inserite nell’urna delle teste di serie a differenza del Napoli che proveniva dalla Champions.
L’Atalanta non è stata fortunata, come già accaduto nel sorteggio per i gironi, dovendo affrontare nei sedicesimi il Borussia Dortmund, squadra tedesca, proveniente dalla Champions, con grande familiarità con la competizioni europee e con un organico che presenta grandi nomi come Reus e Aubemayang.
Anche il Napoli è stata estratta con una formazione tedesca, anch’essa retrocessa dalla champions, il Lipsia, una squadra rivelazione in patria nello scorso anno e che ha mostrato giovani talenti tra le proprie fila.
Lazio e Milan hanno riscontrato maggior fortuna avendo pescato avversari indubbiamente più abordabili e alla portata delle due formazioni italiane. Ai biancoazzurri è stata abbinata la Steaua, mentre in rossoneri affronteranno il Ludogorets.

–  Ferdinando Piazza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *