I’ll be back… for a pizza! – Ford e Domino’s insieme con una nuova idea!

Ok, ammettiamo che nel scrivere il titolo si possa pensare ad un Terminator che consegna pizze sparando capricciose con un piccolo cannoncino. La realtà, pero, non è poi tanto distante dalla finzione.

La Ford ha avviato una collaborazione con la catena di pizzerie Domino’s, per sviluppare auto-fattorini capaci di recapitare al cliente l’ordine col profumo più bello di tutti: quello di pizza appena sfornata. Non certo un’alleanza per sviluppare una specifica tecnologia (la Ford impiega prototipi già utilizzati per altre prove) ma un esperimento per capire le impressioni dei clienti, comuni cittadini, nell’interagire con un mezzo senza conducente.

Ford_Dominos-TopArt

Il test è già iniziato nell’area della piccola cittadina di Ann Arbor, in Michigan, dove alcune Ford Fusion Hybrid a guida autonoma sono autorizzate a circolare nelle strade pubbliche, con a bordo tecnici Ford per motivi di sicurezza (quindi dotate di volante e pedali). Gli abitanti di questa ridente cittadina di provincia possono ordinare la loro pizza preferita e seguire, grazie al GPS, il tragitto della cena. Una volta che l’auto sarà giunta a destinazione il cliente dovrà digitare un apposito codice, che riceverà nel suo smartphone, per sbloccare il vano riscaldato (installato al posto dei sedili posteriori) e ritirare l’ordine.

No Panic

Il lavoro del “porta pizza” è, o è stato, il primo approccio al mondo del lavoro per tanti ragazzi. Trasportare margherite o quattro-stagioni ha permesso a molti di comprarsi il primo motorino o per lo meno avere qualche soldo in più in tasca. Un’esperienza di vita divertente, ricca di ostacoli, ma piena di soddisfazioni. Tutto ciò, al momento, non è messo in pericolo dal progredire della tecnologia. Il mercato italiano delle pizzerie è dominato dalle piccole attività, molte a conduzione familiare, che presidiano ogni angolo della penisola. Questo è chiaro anche alle grandi catene di ristorazione, che in Italia, praticamente, non sono presenti. Pizzerie che rappresentano una parte delle comunità, a volte sono anche luoghi di ritrovo, che riescono persino ad innovarsi attraverso l’ausilio dei nuovi servizi di spedizione pasti (come Just Eat o Foodora).

ford-dominos-av-7

 

Insomma questo sembra uno di quei campi che per il momento non dovrebbe rischiare di estinguersi col progredire dei robot (almeno in Italia).

 

-Claudio Abramo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *