Serie A: il punto prima del rientro dalla sosta

Ieri sera, con il posticipo Atalanta-Juventus, si è chiusa la 7a giornata di Serie A. Siamo solo all’inizio di una stagione che si prospetta molto combattuta in tutti i suoi fronti: chi lotta per il titolo, chi per un posto in Europa e chi, in Serie A, ha intenzione di rimanerci ancora. Come sempre, ci sono squadre che nel loro rendimento rispettano le aspettative, così come squadre che deludono o sorprendono in maniera inaspettata. La sosta rappresenta sempre un momento di grande importanza e riflessione per squadra e allenatori, soprattutto per coloro che necessitano di riordinare le idee, magari a causa di prestazioni che non sono state proprio esaltanti.

 

Juventus – Nelle aspettative

dybala.juve.esulta.occhi.2016.2017.750x450

 

I campioni d’Italia hanno iniziato il campionato con il piede giusto. Bottino pieno nelle prime sei giornate, poi il pareggio di ieri a Bergamo. Squadra come sempre solida, cinica e con un Dybala scatenato in queste prime giornate (rigore di ieri, a parte). I bianconeri però hanno giocato molte partite che, sulla carta, erano abbastanza abbordabili ed infatti, nella prima partita più complicata, non sono andati oltre il pareggio. La prova allo Stadium contro la Lazio sarà fondamentale per capire lo stato di forma e la forza della Juventus, soprattutto se ci si ricorda del match di Supercoppa italiana.

 

Napoli – Sopra le aspettative

sarri.napoli.2016.17.primopiano.750x450

 

Sappiamo tutti che il Napoli gioca un calcio spettacolare e che quest’anno è una seria candidata al titolo di campione d’Italia, ma una partenza così, con 7 vittorie su 7, soprattutto se si tengono presenti quelle degli ultimi due anni, se l’aspettavano in pochi. Il Napoli dei primi due anni della gestione Sarri è sempre stato caratterizzato da un gioco magico, ma ha sempre difettato di cinismo e di una grinta tipica della grande squadra. Quest’anno, come testimonia la grande vittoria all’Olimpico con la Lazio, questi due fattori potrebbero essere la chiave per un’ulteriore crescita degli azzurri. Anche il Napoli, così come la Juve, è però attesa da due prove molto importanti, con Roma e Inter alle porte.

 

Inter – Nelle aspettative

Vista la posizione in classifica dei nerazzurri, forse questo giudizio può sembrare severo agli occhi di qualcuno. Bisogna però aggiungere che, sebbene l’Inter attualmente abbia gli stessi punti della Juventus e due soli in meno del Napoli (cosa che riteniamo essere superiore alle aspettative, se si confronta questo inizio con quello dell’anno precedente), è anche vero che questi punti sono stati ottenuti giocando un gioco al di sotto delle aspettative e anche con una buona dose di fortuna, soprattutto contro Roma e Genoa. Molti, infatti, paragonano l’Inter di Spalletti a quella di due anni fa, allenata da Roberto Mancini: brutta da vedere ma cinica e spietata. Naturalmente i nerazzurri devono migliorare ancora su molti fronti, e le due sfide al rientro dalla sosta (il Derby con i cugini e il match contro il Napoli) saranno anche in questo caso un esame importante.

 

Roma – Nelle aspettative

La squadra allenata da Di Francesco si è dimostrata all’altezza delle aspettative, con un bottino di 15 punti in 7 partite, ma considerando il match a Marassi contro la Sampdoria ancora da recuperare e la sconfitta contro l’Inter in cui la fortuna non ha di certo aiutato i giallorossi. Bel gioco, tanta determinazione e un Dzeko che continua ad essere super anche in questa stagione: 7 gol in 6 partite per il bosniaco. La Roma deve confermarsi nella prossima giornata, in cui sfiderà il Napoli, in un match che ogni anno regala tante emozioni e, soprattutto, tanti gol.

 

Milan – Sotto le aspettative

bonucci-milan-cagliari-agosto-2017

 

Dubbi? Difficile averne. E’ vero, il Milan è una squadra in costruzione e tutti i soldi investiti dalla dirigenza pagheranno probabilmente più avanti, ma nonostante ciò, si è comunque dimostrato ben al di sotto delle aspettative. Alcune prestazioni, soprattutto contro la Sampdoria, ma anche alcune gare vinte dai rossoneri, contro Cagliari e SPAL, hanno messo in luce un Milan debole, soprattutto nel gioco e nella difesa. Ebbene sì, gli acquisti di Musacchio e, soprattutto, di Bonucci, al momento non stanno pagando. Sotto la nostra lente di ingrandimento il mister Montella, il quale sta dimostrando di avere molta confusione nello schierare la formazione. Dal 4-3-3 al 3-4-3 fino al 3-5-2 schierato nel big match contro la Roma, con Suso sacrificato in panchina. I rossoneri devono ovviamente trovare la loro fisionomia di gioco ed avere una struttura ben solida, ma tanti punti preziosi per un posto in Champions League se ne sono andati ed il tempo stringe ancora. Il derby contro l’Inter potrebbe rappresentare la svolta?

 

Lazio – Nelle aspettative

1 a 4 contro il Napoli a parte, i biancocelesti si sono confermati la squadra grintosa e bella dello scorso anno, malgrado alcune cessioni importanti, come Biglia e Keita, che però non stanno assolutamente mancando ai tifosi; Luis Alberto e Lucas Leiva stanno facendo molto bene e il posto da titolarissimi in rosa difficilmente qualcuno glielo toglierà. C’è da dire, però, che il match contro il Napoli rimane un’incognita, per cui ci si attende una Lazio, nei prossimi big match, assolutamente diversa da quella vista contro gli azzurri di Sarri.

 

Atalanta – Sopra le aspettative

Gomez-Atalanta-Calcio-Facebook-Atalanta-Bergamasca-Calcio-800x533-800x533

 

Ci siamo sentiti di premiare la splendida squadra di Gasperini, in quanto i punti ottenuti dalla squadra bergamasca non rispecchiano il suo vero potenziale. L’Atalanta è la dimostrazione che con grinta e determinazione uniti ad un bel gioco si costruisce una squadra molto forte, indipendentemente dal valore dei singoli giocatori. Ma non è tutto. Abbiamo ritenuto l’Atalanta al di sopra delle aspettative in quanto non bisogna dimenticarsi gli impegni di Europa League a cui la squadra di Gasperini, in un modo più che dignitoso, sta prendendo parte. Il campionato italiano, unito ad una competizione europea di tutto rispetto, non è mai stato facile da gestire per squadre che solitamente viaggiano a metà classifica (vedi Sampdoria e Sassuolo). L’Atalanta invece, per adesso, sta andando benissimo in entrambe le competizioni. I complimenti alla squadra e al mister sono più che dovuti!

–  Roberto Faraci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *