NOVITA’ DAL SISTEMA BANCARIO : arriva il bonifico istantaneo

Rivoluzione o se vogliamo “adeguamento” .

Il sistema bancario attuale sta diventando praticamente obsoleto e non adeguato alla società, sempre più smart, più veloce , più immediata. Questo concetto c’è chi lo ha capito e chi invece no, ma i CEO delle più grandi aziende questo lo sanno, specialmente quando si tratta di denaro ; sanno che è indispensabile velocizzare, sanno che ci vuol meno burocrazia e sanno bene che il cliente vuole meno problemi e più immediatezza , in special modo nella gestione e spostamento dei suoi soldi.

Il bonifico istantaneo , che sarà presto un nuovo strumento di ogni filiale bancaria , ne rappresenta infatti il primo passo. Una nuova , più veloce e più dinamica infrastruttura di pagamenti che cambierà per sempre il  mondo del “ PAYMENT”, i clienti potranno inviare e ricevere denaro in real time avendo come unico requisito quello di possedere un conto corrente, senza nessuna integrazione o sottoscrizione contrattuale, per rispondere principalmente ai bisogni di una società sempre più smart e più veloce.

Mai più attese di giorni per l’accredito di somme : i bonifici diventeranno veloci  e il beneficiario del bonifico potrà disporre subito della cifra ricevuta. L’ instant payment consentirà a cittadini e imprese, di effettuare un pagamento, o di riceverlo, entro un massimo di 10 secondi. Solo dieci secondi, non dieci giorni (…).

bonifico-istantaneo-cos-e-come-funziona-costi-instant-payment-prezzo

Purtroppo però sappiamo che qui in Italia arriviamo sempre un po’ in ritardo con le innovazioni e mentre nel resto d’ Europa, soprattutto dell’Europa del nord dove l’avanguardia rappresenta sempre l’imperativo, sta riscuotendo un discreto successo questa grande novità, in particolare tra i più giovani,  il bel Paese ha fatto fin’ora ben poco e soltanto pochi istituti bancari si stanno muovendo verso questa direzione.

Ma a partire dal prossimo 21 novembre 2017 questo strumento di pagamento sarà finalmente disponibile anche in Italia. Non si sa ancora se tutti gli istituti estenderanno questo nuovo strumento a tutti i correntisti  oppure intendano riservarlo solo a certi clienti,  ma siamo sulla buona strada ed alcune banche hanno iniziato la sperimentazione negli scorsi mesi e questo fa dedurre che le banche andranno nel mercato con l’obiettivo di estenderlo quanto più possibile.

 

Analizziamone adesso vantaggi e svantaggi.

Vantaggi

Il primo vantaggio è senza dubbio l’istantaneità : il pagamento da una parte e il ricevimento della cifra dall’altra, avverrà immediatamente, nel giro di 10 secondi senza dover attendere giorni e giorni, come invece accade con i bonifici ordinari.

Il secondo vantaggio la disponibilità continua : sarà  infatti possibile eseguire i pagamenti in circa dieci secondi  a tutte le ore del giorno, 7 giorni su 7 e 365 giorni all’anno.

Altro importante vantaggio sarà l’area SEPA : i primi ad usufruirne saranno i conti correnti dell’area cosiddetta SEPA (Single Euro Payments Area) che identifica, i Paesi che vi hanno appunto aderito, ovvero: i Paesi dell’Unione Europea che hanno già adottato l’euro; i Paesi che fanno parte dell’European Economics Area ; nonché la Svizzera, il Principato di Monaco e la Repubblica di San Marino.

 

Svantaggi

il primo svantaggio sarà sicuramente il fatto che i costi saranno maggiori.

Essendo uno strumento nuovo ed in buona parte a livello sperimentale, purtroppo ci sarà bisogno  di nuovi dispositivi, applicazioni e software più potenti  per far sì che possa funzionare a pieno e ciò chiaramente ha dei costi, anche perché bisognerà ancor di più potenziare la vigilanza e l’efficienza , in quanto adesso i controlli antiriciclaggio, antiterrorismo o quelli inerenti ai paesi “ black list” , devono assolutamente avvenire molto più rapidamente e non con la lentezza delle verifiche attuali. Dal punto di vista delle banche questa operazione è più rischiosa , visto che il tempo dei controlli appunto è minimo.Trattandosi comunque di un servizio più utile per entrambe le parti, rispetto al bonifico ordinario, si vocifera pure che i costi di commissione del bonifico istantaneo saranno non solo a carico di chi lo fa , ma anche di chi lo riceve e la commissione possa essere più elevata nel caso cui il bonifico arrivi dall’estero.

Ma da questo punto di vista le banche non si sono ancora espresse e comunque esse auspicano che i costi siano ragguagliati alla tipologia del servizio.

Inoltre mentre il bonifico ordinario è sempre possibile revocarlo dopo qualche ora, questo nuovo sistema di pagamento, essendo appunto immediato, è di fatto irrevocabile e pertanto non si potrà più tornare indietro una volta richiesto.

Altro elemento caratteristico è il limite , infatti dal punto di vista tecnico  e operativo pare certa l’imposizione di un tetto massimo oltre il quale non sarà possibile inviare con la stessa operazione più di 15.000 € .

 

Bisogna comunque esaltare il fatto che con l’instant payment aumenteranno le transazioni e la circolazione del denaro, dando inevitabilmente meno spazio a forme di pagamento come il contante o gli assegni.

Il bonifico istantaneo sarà l’inizio di una grande rivoluzione : pensiamo a quanto tempo potrebbero risparmiare le aziende coi loro fornitori o con i loro dipendenti oppure ancor più emblematico , un rimborso della propria assicurazione in tempo reale.

shutterstock_465600824-1-326x245Ma v’è di più : l’utilità del bonifico istantaneo è impressionante se si pensasse a quelle transazioni in cui la vendita del bene è condizionata all’effettivo accredito del bonifico ordinario (per il quale invece occorrono ancora dei giorni), come ad esempio nell’acquisto dell’auto nuova al concessionario. Oppure chi ha necessità di pagare immediatamente una bolletta per evitare problemi col proprio erogatore o di inviare denaro all’estero ad un familiare o ad un amico.

Nel frattempo però con uno straordinario tempismo l’EPC (European Payment Council) ha diffuso un  documento dal nome  Inst scheme rulebook , che definisce le regole tecniche e di business cui gli intermediari di pagamento,interessati ad implementare il nuovo schema, dovranno aderire.

In futuro l’obiettivo è di produrre entro il 2020  uno schema di Instant Payment interamente basato su SEPA.

Ci riusciremo ? Stavolta speriamo di si !

Salvatore Sambataro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *