Caso Benevento: Davvero si può continuare così?

 

0 punti,ecco il bottino del Benevento dopo 11 giornate di Serie A.

La squadra neopromossa campana continua a battere davvero qualsiasi record negativo con il passare delle settimane,continuando a subire  valanghe di gol dopo ogni giornata,raggiungendo già quota 29 gol subiti e segnando pochissimo,appena 4 reti.

I giallorossi dell’appena arrivato

De Zerbi,una settimana dopo l’altra subiscono in maniera spropositata la forza di qualunque avversario,non riuscendo a reagire quanto basta per poter strappare qualche punto,dimostrandosi inadatta al nostro campionato.

I campani di queste prime undici giornate di campionato sono apparsi confusi,senza idee e disconnessi tra loro,con una difesa che a tratti sembra semplicemente osservare l’offensiva avversaria,un attacco inadeguato ed un possesso di palla ampio ma sterile.

Gli uomini di De Zerbi avrebbero bisogno di una scossa,una scintilla,un episodio che possa rendere dignitoso il proseguo della stagione che sembra già condannarli ad una retrocessione con pochi precedenti.

25275495717B4FA4B6A2CE0F47D87610

La squadra che iniziò in maniera peggiore il nostro campionato,prima della matricola Benevento, fu il Venezia 1949/1950 con 8 k.o. nelle prime otto partite di campionato,terminato con la retrocessione in serie B al 20esimo posto in classifica per i veneti.

Ma,può sembrare impossibile,il Benevento non ha ancora raggiunto la vetta in questa speciale classifica che riguarda la peggior partenza in campionato della storia del calcio europeo;

Al primo posto infatti,in maniera sorprendente,troviamo niente di meno che il Manchester United del lontanissimo 1930,i Red Devils infatti partirono con ben 12 sconfitte nelle prime dodici partite di campionato.

Tornando ai fatti di casa nostra, l’augurio che un po’ tutti facciamo al Benevento è quello di riprendersi ritrovando se stesso,dando il massimo e superando i limiti che oggettivamente la squadra possiede.Deve farlo per i propri tifosi,per la società e per il livello del nostro calcio.

 

Marco Cavallaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *