Si scende in pista: ecco i calendari di F1 e MotoGP

Sono stati ufficializzati i calendari dei mondiali di automobilismo e motociclismo che vedranno un numero di gare mai così elevato, ben 40. Queste vengono ad esser divise in 21 gran premi che vedranno in pista le vetture della F1, mentre i restanti 19 saranno caratterizzati dalle staccate dei piloti su due ruote. Come ogni anno si avranno delle concomitanze tra le gare dei due mondiali, che per fortuna dei telespettatori sono state ridotte a solo sei sovrapposizioni, che però si collocano nella seconda metà dei rispettivi campionati.

 

_R3I9974

 

Il Circus della F1 sale a 21 circuiti e sono numerosi i rientri nel calendario di circuiti che da anni non erano terra di battaglia tra le monoposto. Torna un circuito in terra francese dopo un assenza di 10 anni, ma il teatro delle performance sarà l’autodromo di ”Le Castellet”, così come torna anche il tracciato di Hockeneim in Germania; a non far più parte del calendario sarà, invece, il tracciato malese di Kualalumpur.

Per ciò che riguarda la disposizione delle date, il calendario, fatta eccezione per le new entry, è rimasto quasi del tutto simile a quello della passata stagione, unica eccezione è l’alternanza tra Baku che diviene il quarto appuntamento e il circuito di Sochi che trova posto come sedicesimo autodromo del mondiale.

La parte calda del mondiale si apre in Francia a cui seguiranno altri 4 Gran Premi nell’arco di sei domeniche che si disputeranno in Austria, Gran Bretagna, Germania ed Ungheria, una fase convulsa che porterà alla pausa feriale, dove si tireranno le prime somme. Imperdibile l’appuntamento del 2 settembre a Monza per il GP d’Italia.

 

image

 

Anche il calendario del motociclismo aumenta i suoi appuntamenti, grazie all’utilizzo del nuovo circuito della Thailandia, che anticiperà il trittico asiatico Motegi-Phillip Island-Sepang fra il 21 ottobre e il 4 novembre. Si apre sotto le luci del Qatar il 18 marzo, una settimana prima della F.1 (via il 25 marzo a Melbourne), e si chiude a Valencia il 18 novembre. Presenti come ogni anno saranno le due tappe nella penisola nostrana il 3 giugno al Mugello per il GP d’Italia e il 9 settembre a Misano per il GP di San Marino e Riviera di Rimini.

 

F.1, calendario 2018:


25 marzo Australia (Melbourne); 8 aprile Bahrain (Sakhir); 15 aprile Cina (Shanghai); 29 aprile Azerbaijan (Baku); 13 maggio Spagna (Montmelò); 27 maggio Monaco (Montecarlo); 10 giugno Canada (Montreal); 24 giugno Francia (Le Castellet); 1 luglio Austria (Spielberg);8 luglio Gran Bretagna (Silverstone); 22 luglio Germania (Hockenheim);29 luglio Ungheria (Budapest); 26 agosto Belgio (Spa); 2 settembreItalia (Monza); 16 settembre Singapore (Marina Bay); 30 settembre Russia (Sochi); 7 ottobre Giappone (Suzuka); 21 ottobre Usa (Austin);28 ottobre Messico (Città del Messico); 11 novembre Brasile (San Paolo); 25 novembre Emirati Arabi (Abu Dhabi).

MotoGP, calendario 2018:


18 marzo Qatar (Losail); 8 aprile Argentina (Termas de Rio Hondo); 22 aprile Usa (Austin) 6 maggio Spagna (Jerez); 20 maggio Francia (Le Mans); 3 giugno Italia (Mugello); 17 giugno Catalunya (Montmelò); 1 luglio Olanda (Assen); 15 luglio Germania (Sachsenring); 5 agosto Rep. Ceca (Brno); 12 agosto Austria (Spielberg); 26 agosto Gran Bretagna (Silverstone); 9 settembre San Marino e Riviera di Rimini (Misano); 23 settembre Aragona (Aragon); 7 ottobre Thailandia (Chang International Circuit); 21 ottobre Giappone (Motegi); 28 ottobre Australia (Phillip Island); 4 novembre Malesia (Sepang); 18 novembre Comunità Valenciana (Valencia).

–  Ferdinando Piazza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *