Alla scoperta di Alisson Becker, il muro della Roma

Venticinque anni e un modo di stare in campo da veterano assoluto; è questa una delle prime considerazioni che possono essere fatte sul portiere della Roma, Alisson Becker. In una stagione tra alti e bassi, il vero colpo messo a segno dai capitolini può sicuramente essere individuato nell’esplosione tecnica dell’estremo difensore brasiliano. Il nazionale verdeoro arriva dalle parti di Trigoria lo scorso anno, ma ha davanti a se un rivale di non poco conto, quel Wojciech Szczesny che in questa stagione sta illuminando la Juve. Per il brasiliano quindi una scorsa stagione difficile, interamente dedicata a fare da riserva al più blasonato portiere polacco; ad Alisson fu affidata principalmente comunque l’Europa League: ma le sue qualità si erano solo intraviste. Questo sta invece, con il passare del tempo, diventando l’anno della consacrazione per Alisson: parate fuori dal comune, tempi di gioco perfetti e buoni piedi: potrebbe anche dare qualche lezione a più di qualche giocatore di movimento, impressionante! I paragoni si sprecano, il brasiliano ha come idolo il suo connazionale Julio Cesar, sono anche simili fisicamente, ma il paragone forte è quello con Manuel Neuer.

 

 

Carriera

Alisson dal 2002 al 2013 milita nelle selezioni giovanili dell’International de Porto Alegre, la squadra per cui ha sempre fatto il tifo. Nel 2013 esordisce in prima squadra, con cui vince per cinque volte il campionato (2012, 2013, 2014, 2015 e 2016) e una Supercoppa Gaucha (2016). Nel Brasilerao ha ottenuto 44 presenze subendo 44 gol. Numeri e prestazioni importanti hanno attirato le mire Europee, tanti club su di lui, tra cui Barcellona e Juventus, ma alla fine il brasiliano nel Luglio 2016 firmerà per la Roma, che aveva raggiunto l’accordo per l’acquisto nel mercato precedente. L’esordio in maglia giallorossa è però amaro, il playoff Champions con il Porto, scontro che vedrà la sua squadra sconfitta e retrocessa in Europa League. In Nazionale maggiore Alisson esordisce il 13 Ottobre 2015 nel match valido per le qualificazioni mondiali per Russia 2018, partita vinta per 3-1 dal Brasile ai danni del Venezuela. Per lui anche la partecipazione alla Copa America, quella del centenario, negli Stati Uniti, torneo che però sarà breve per il Brasile, eliminato dopo le tre partite dei gironi.

 

 

Il futuro

Per il futuro prossimo, considerando la scomoda posizione della Roma relativa alla questione del FPF, è facile ipotizzare che per lui si apriranno le porte della cessione. Sul brasiliano sembrano già esserci stati i primi contatti e segnali da parte del Liverpool su tutte, ma anche Psg e Real pensano al fenomenale Alisson Becker. La Roma pronta all’ennesima plusvalenza importante, prima però Alisson continuerà a volare tra i pali giallorossi, poi del futuro se ne saprà di più in Estate.

–  Marco Cavallaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *