Serie A: la 27° giornata promette spettacolo, scopriamo perchè

La 27° giornata di Serie A, con ogni probabilità, sarà un turno chiave per le sorti delle maggiori squadre, ed il motivo è semplice: si affrontano le prime otto in classifica, tutte tra loro, uno scontro diretto uno dopo l’altro. Il turno di campionato ha preso il via oggi, alle 15, con il match tra Spal e Bologna ma, alle 18, toccherà a Lazio-Juventus, anticipo niente male, antipasto verso la sera dove, alle 20.45, sarà la volta di Napoli-Roma. La domenica pomeriggio sarà poi ora di uno scontro diretto per l’Europa League, Atalanta-Sampdoria, per poi attendere la sera quando, nello spettacolo di San Siro, andrà in scena il derby più bello d’Italia, Milan-Inter.

Questa sarà una giornata che dirà molto, moltissimo sulla corsa Champions, grazie in particolar modo al derby di Milano. In caso di vittoria rossonera infatti, per il Milan quello che adesso è uno spiraglio, si trasformerebbe in un’occasione più grande per centrare la qualificazione alla prossima UCL. Ma, la 27° giornata potrebbe anche diventare rilevante per la lotta al titolo; la Juventus infatti gioca in caso della Lazio: trasferta insidiosissima, contro una squadra davvero forte e sicuramente con la fame di chi ha perso una semifinale di Coppa Italia. I bianconeri partono favoriti ma, in caso di stop all’Olimpico, ecco che il Napoli, battendo una Roma in discesa libera, si porterebbe ad un virtuale +7, con la solita gara in più, ma che inizierebbe a pesare un macigno per la squadra di Allegri.

Atalanta e Sampdoria invece si sfidano per un posto in Europa League; attualmente avanti la Samp, ma la Dea, metabolizzate le eliminazioni dalle coppe, dovrà far rotta sul campionato per centrare, di nuovo, quel posto in Europa , dove ha dimostrato di poterci stare; in tal senso, lo scontro diretto con i blucerchiati potrebbe rivelarsi fondamentale.

 

Lazio- Juventus

Lazio e Juventus arrivano a questo appuntamento non al meglio. La Lazio, padrone di casa, arriva dopo aver giocato 120 minuti in coppa, poi sconfitta, dunque da monitorare la condizione fisica dei suoi giocatori; la Juventus, anch’essa con una semifinale di coppa nelle gambe, deve fare i conti con gli infortuni: Higuain non convocato, anche in vista della Champions, Dybala non in condizione, ma ci sarà, De Sciglio, Bernardeschi e Cuadrado out. Simone Inzaghi dovrebbe mandare in campo la formazione tipo, eccezion fatta per Marusic squalificato, e Wallace, infortunato; Luis Alberto favorito su F. Anderson. Massimiliano Allegri, invece, dovrebbe schierare Dybala prima punta, affiancato da Alex Sandro e D.Costa. Potrebbe riposare Chiellini. Mario Mandzukic parte per Roma, ma è out.

 

Lazio 3-5-2: Strakosha, Bastos, De Vrij, Radu, Basta, Milinkovic-Savic, Parolo, Lulic, Leiva, Luis Alberto, Immobile.  All. Simone Inzaghi. A disposizione: Vargic, Guerrieri, Patric, Felipe, Murgia, Lukaku, Caicedo, Nani, F.Anderson.

Juventus 4-3-3: Buffon, Lichtsteiner, Benatia, Rugani, Asamoah, Khedira, Matuidi, Pjanic, D.Costa, Dybala, A.Sandro.  All. Massimiliano Allegri. A disposizione: Pinsoglio, Szczesny, Chiellini, Howedes, Barzagli, Bentancur, Sturaro, Mandzukic.

 

Napoli-Roma

Il Napoli dovrebbe giocare con i titolarissimi. L’unico dubbio di Sarri è sulla condizione di Hamsik, influenzato, se non dovesse farcela spazio a Zienliski. La Roma, in un periodo di calo fisico e mentale, punta a ritrovare le proprie certezze, ecco dunque il rientro di Dzeko da titolare. Il ballottaggio è quello tra El Shaarawy e Perotti, Under sicuro come sicuri del posto sono anche a centrocampo.

 

Napoli 4-3-3: Reina, Hysaj, Albiol, Koulibaly, Mario Rui, Jorginho, Allan, Hamsik, Insigne, Mertens, Callejon.  All. Maurizio Sarri. A disposizione: Rafael, Sepe, Chiriches, Milic, Tonelli, Ounas, Rog, Zienliski, Diawara, Milik.  

Roma 4-3-3: Alisson, Kolarov, Manolas, Fazio, Florenzi, Strootman, De Rossi, Nainggolan, Under, Dzeko, Perotti.  All. Eusebio Di Francesco. A disposizione: Lobont, Skorupski, Juan Jesus, Bruno Peres,  Capradossi, Pellegrini, J.Silva, El Shaarawy, Shick, Defrel.

 

 

 

Atalanta-Sampdoria

Atalanta stanca, ma vogliosa di vincere dopo le sconfitte di coppa. Scelta laformazione tipo, fatta eccezione per Petagna. Spazio a Toloi. Anche nella Samp spazio ai titolari, scalpita il rientrante Praet.

 

Atalanta 3-4-1-2: Berisha, Caldara, Toloi, Masiello,Spinazzola, Freuler, Cristante, Hateboer, De Roon, Ilicic, Gomez. All. Gian Piero Gasperini. A disposizione:Rossi, Gollini, Palomino, Mancini, Cstagne, Haas, Melegoni, Gosens, Rizzo, Barrow, Cornelius.

Sampdoria 4-3-3: Viviano, Bereszinski, Silvestre, Ferrari, Murru, Barreto, Torreira, Linetty, Ramirez, Quagliarella, Zapata. All. Marco Giampaolo. A disposizione: Belec, Tozzo, Krapikas, Strinic, Tessiore, Regini, Andersen, Praet, Alvarez, Capezzi, Caprari, Kownacki.

 

 

 

 

 

Milan-Inter

Il derby dirà tanto sul futuro delle due squadre. Il Milan va in campo con gli undici titolari, Cutrone preferito a Kalinic. Spalletti pensa invece ad una carta a sorpresa, Karamoh. Tra i titolari fa il suo rientro Mauro Icardi.

 

Milan 4-3-3: Donnarumma, Rodriguez, Bonucci, Romagnoli, Calabria, Bonaventura, Kessie, Biglia, Suso, Cutrone, Cahlanoglu. All. Gennaro Gattuso. A disposizione: Donnarumma, Guarnone, Abate, Musacchio, Gomez, Zapata, Montolivo, Abate, Locatelli, Borini, Mauri, Kalinic, Andrè Silva.

Inter 4-2-3-1: Handanovic, Cancelo, Miranda, Skriniare, D’Ambrosio, Vecino, Gagliardini, Karamoh, Candreva, Perisic, Icardi. All. Luciano Spalletti. A disposizione: Pissardi, Padelli, Santon, Dalbert, Lopez, Ranocchia, Brozovic, Borja Valero, Rafinha, Eder, Pinamonti.

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      -Marco Cavallaro

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *