Quali sono gli 8 Paesi senza un ristorante McDonald’s?

La catena di fast food “McDonald’s” è tra le più diffuse al mondo: più di 70 panini al mondo per 36.000 filiali in 119 Paesi, numeri che farebbero impallidire qualsiasi altro colosso nel settore della ristorazione. Eppure esistono 8 nazioni in cui il marchio in questione non vanta nemmeno un franchising. 

Macedonia e Islanda

Partiamo dall’Europa: nel vecchio continente sia la Macedonia che l’Islanda non hanno sul proprio territorio neanche un ristorante McDonald’s. Eppure, in Macedonia, non è sempre stato così: una volta ve ne erano ben 7. Tuttavia, dopo un disguido tra il capo degli uffici europei della catena e il proprietario del franchising macedone – secondo quanto riporta tp.it – tutte le sedi furono chiuse. Discorso diverso per l’Islanda, dove vi erano esattamente tre ristoranti. Dopo il crollo della valuta del 2009 questi chiusero e non furono mai più riaperti; il motivo? Il cibo servito non era pienamente apprezzato dalla clientela che preferiva qualcosa di locale e più salutare.

Bermuda e Bolivia

Continuando il nostro giro per il globo, troviamo oltre oceano, come primo Paese senza McDonald’s, le isole Bermuda: qui il Governo ha deciso di vietare qualsiasi apertura di catene e/o franchising, così come vige severo il divieto di esposizione di insegne al neon o affissione di cartelloni pubblicitari. Scendendo verso la Cordigliera delle Ande, vi è un altro Paese dove la “M” dorata non ha avuto letteralmente successo: la Bolivia. Qui la catena non ha mai fatto il boom e quindi ogni fastfood inizialmente aperto è stato successivamente chiuso.

Ghana e Zimbabwe

Migrando dall’America latina all’Africa, individuiamo nel Ghana e nello Zimbabwe gli unici due Paesi dove non esiste nemmeno un locale firmato McDonald’s. E se anche in Ghana la catena non ha avuto fortuna, in Zimbabwe si può attribuire la colpa di quest’assenza alla crisi economica di dieci d’anni fa. Secondo quanto riporta tpi.it, proprio in seguito a questo evento, furono interrotti i negoziati per aprire una franchising nella capitale Harare.

Yemen e Corea del Nord

Spostandoci nella penisola arabica, troviamo un’altra nazione senza ‘archi dorati’: stiamo parlando dello Yemen. La mancata presenza di locali McDonald’s è da ricondurre a questioni di sicurezza nazionale: i ristoranti, infatti, potrebbero essere un facile bersaglio per eventuali attacchi terroristici. 

Dulcis in fundo, troviamo, spostandoci nel continente asiatico, l’ultimo Paese senza il colosso americano degli hamburger, la Corea del Nord. L’assenza di locali a tema nel Paese del dittatore Kim Jong-Un non è riconducibile a nessuna ragione legata all’economia o alla sicurezza: semplicemente tutto ciò che è americano non è ben accetto.

Francesco Raguni


Immagine in evidenza: AP Photo / Jeff Roberson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *