La classifica dei migliori 30 marchi italiani

Per la prima volta la Kantar Millward Brown, leader mondiale nei servizi di analisi del mercato e strategie di marketing, ha stilato la classifica dei trenta migliori marchi italiani. Questa rappresenta un’estensione della già affermata “BrandZ TOP 100 Global Ranking”, che ogni anno “riconosce i marchi di maggior successo nel mondo sulla base di indagini sui consumatori unite a dati finanziari”.

Metodologia dell’analisi

L’analisi italiana segue la metodologia di quella adottata per l’edizione internazionale di BrandZ, “combinando la valutazione della Brand Contribution di oltre 55.000 consumatori, con rigorose analisi finanziarie svolte sulla base dei dati forniti da Bloomberg”. Di queste stime beneficiano soprattutto le società in esame, per le quali la ricerca rappresenta metro di valutazione oggettivo di grande utilità. Ciò in quanto il marchio rappresenta un valore di difficile valutazione, gestione e protezione.

Il podio

Il brand value da medaglia d’oro è della casa di moda toscana, Gucci, che, con ben 16,3 miliardi di dollari, guadagna il primo posto della classifica. Non da meno, seguono Tim con 9,3 miliardi ed Enel con 7,4 miliardi. Dando uno sguardo oltre il podio, Kinder si piazza al quarto posto con 6,9 miliardi. A Prada tocca il quinto con 4 miliardi. Secondo i dati forniti da tale analisi, il valore complessivo dei top 30 brand italiani è pari a 85,3 miliardi di dollari.

Moda & Motori

Analizzando la classifica, è facile notare l’ampia rappresentanza del settore Luxury  fra i marchi più importanti. Gucci, Prada, Armani, Bottega Veneta, Bulgari, Fendi e Ferragamo, con un valore stimato complessivo di 28,9 miliardi di dollari. Nell’ambito del lusso, combinato all’industria automobilistica, Ferrari svetta con i suoi 3,5 miliardi. L’Italia ospita, dunque, una vera e propria concentrazione di marchi di lusso, quasi in contrapposizione con la Spagna, madrina della moda low cost con Amancio Ortega e la sua Zara.

Il cibo 

Un altro ambito ben rappresentato è il food, con un valore complessivo di 13,1 miliardi di dollari. Sei sono i brand in classifica, di cui tre appartengono a Ferrero: Kinder, Nutella e Ferrero Rocher.

Il commento di David Roth

David Roth, Amministratore Delegato per l’Europa e l’Asia di WPP, multinazionale partner del progetto “BrandZ”, ha così commentato la classifica: «La Top 30 italiana di BrandZ riflette la tradizione di questo Paese, fatta di imprese produttive, di riconosciuta esperienza nel loro settore, di professionalità con grande visione e determinazione».

 

Giulia Carnevale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *