Catania Film Fest – Gold Elephant World Awards: ci siamo!

Manca poco meno di una settimana alla settima edizione del Catania Film Fest – Gold Elephant World Awards, che quest’anno si terrà dal 18 al 21 Aprile presso il cinema Multisala Lo Po, il Liceo Artistico Statale “M.M. Lazzaro” e il Ma Catania. Il Festival è organizzato da Alfiere Productions e diretto da Cateno Piazza.

Il festival proporrà film indipendenti e numerosi cortometraggi. L’obiettivo sarà quello di promuovere la diffusione presso il pubblico dei lavori di giovani registi.

Le parole di Cateno Piazza

“È la festa del cinema italiano indipendente – dichiara il direttore artistico del Catania Film Fest, Cateno Piazzaavremo la possibilità di proiettare film poco distribuiti in Italia e soprattutto nel nostro territorio, la Sicilia. Quest’anno ci saranno tantissimi artisti tra attori, registi, produttori e non solo. Ma sarà una festa anche per i tanti giovani presenti“.  

 

I giovani, infatti, saranno i protagonisti aggiunti di questo Festival. Oltre ad aver contribuito a realizzare il poster ufficiale, alcuni di essi, tra studenti liceali e universitari, faranno parte della stessa giuria.

Gli ospiti del Festival

Questa settima edizione vedrà la partecipazione di un grande numero di artisti che, oltre ad attori e registi, include anche giovani cantanti. Per citarne alcuni:

  • Lando Buzzanca, ormai icona del cinema italiano;
  • Valentina Lodovini, giovane attrice e famosa soprattutto per aver recitato in Benvenuti al Sud e Ma che bella sorpresa, entrambi al fianco di Claudio Bisio;
  • Donatella Finocchiaro, attrice e regista, ha lavorato al fianco di colossi come Giuseppe Tornatore e Eduardo de Filippo

 

Gli altri grandi ospiti della serata saranno: Alice Caioli (cantante), Carolina Rey (cantante), Fabio Boga (attore), Antonietta de Lillo (regista e membro della giuria), Archinuè (band), Roberto Cipullo (produttore e membro della giuria), Angelica Germanà Bozza (regista), Francesco Gabriele (regista).

A dirigere il Catania Film Fest ci sarà la giornalista e speaker radiofonica Vittoria Marletta.

Ma c’è un ospite d’onore!

Ad annunciarlo è sempre il direttore artistico Cateno Piazza: “Premieremo numerosi attori e registi italiani, dai grandi professionisti a quelli emergenti. Ma sono lieto di annunciare che il Premio Gold Elephant World “Catania CinemaEuropeo” andrà al nostro ospite d’onore, Caterina Murino, straordinaria attrice in grado di portare, nel campo cinematografico, il nome dell’Italia oltre i confini nazionali.”

Caterina Murino appare per la prima volta in televisione nel 1997, quando, durante il concorso di Miss Italia, si classifica quinta. Dopo aver recitato in diverse serie televisive, tra cui Don Matteo, nel 2006 arriva la svolta che la porta fuori dai nostri confini: interpreta in Casino Royale la parte di Solange, la prima Bond girl di Daniel Craig, l’attuale agente 007.

 

Questa è la rampa di lancio che la porterà a recitare in numeri film stranieri, soprattutto inglesi e francesi. In Italia la troviamo al fianco di Alessandro Gassman nel film Il seme della discordia, uscito nel 2008.

I film in concorso (e non)

Nella scorsa edizione il premio più importante del Festival, il Miglior Film del Gold Elephant World, era stato assegnato al documentario Walls – Il mondo diviso dei registi Pablo Iraburu e Migueltxo Molina

Quest’anno, tra i lungometraggi pronti ad aggiudicarsi il Premio Miglior Lungometraggio, troviamo tre film in concorso: Chi salverà le rose (Cesare Furesi), Senza Fiato (Raffaele Verzillo) e Blue Hollywood (Francesco Gabriele).

I cortometraggi candidati a vincere il Premio Miglior Short-Film Europeo “Gold Elephant World 2018” sono: Il bibliotecario (Fabrizio Di Giovanni), Cecilia’s affair (Fabio Fagone), 08 Giugno ’76 (Gianni Saponara), L‘ombra delle muciare (Marcello Mazzarella), Come back (Alessio Liguori), A volte Dio (Luigi Fedele), Bitchboy (Mans Berthas), Fuecu e cirasi (Romeo Conte), Nel suo mondo (Cristian Scardigno), First in First Out (Sacha Ferbus), Il bacio (Adriano Candiago), Framed (Marco Jemolo), Sono un supereroe (Nino Giuffrida), Anniversary (Angelica Germanà Bozza) e L’avenir (Luigi Pane).

Infine, una menzione speciale merita un film fuori concorso, Una relazione per un’Accademia, firmato da Franz Kafka, diretto da Antonietta De Lillo e interpretato da Marina Confalone.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     – Roberto Faraci

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *