“Come se non ci fossi stata mai”, il nuovo singolo di Mario Castiglione

Continua, con una forza inarrestabile, l’avventura musicale di Mario Castiglione. Il giovane artista emergente catanese ha lanciato, il 30 marzo scorso, il suo primo singolo, da lui scritto e prodotto. Lo scorso martedì è inoltre uscito il videoclip sul suo canale VeVo. Per l’occasione, MILLENNIALS lo ha intervistato in esclusiva.

Ne ha fatta di strada, Mario. Nonostante la giovane età, si è rimboccato le maniche e dalle autopromozioni sul suo canale YouTube ha finalmente coronato il suo sogno con un singolo tutto suo, Come se non ci fossi stata mai, gradevole brano che sta riscuotendo un discreto successo. Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con lui, per farci raccontare tutto quello che, dall’ultima intervista gli è accaduto.

L’ultima volta che ti sei raccontato per MILLENNIALS, risale alla scorsa estate. Da allora, di gavetta ne hai fatta tanta: hai aperto i concerti per Gabbani e i Sonhora e adesso hai pure un singolo tutto tuo. Cosa è cambiato da quel momento?

«Me li ricordo bene quei momenti: ero nel bel mezzo del tour. Quelli sono stati i miei primi veri e propri live, e devo ammettere che sono stati giorni molto faticosi. In quel periodo ho dovuto imparare in fretta a muovermi sul palco, a gestire il pubblico; non essendo miei concerti ma aperture di altri, hai solo quei pochi minuti per catturare quanta più attenzione possibile da chi ti sta ascoltando. Ma nonostante le tante difficoltà è andata bene. Inoltre, durante il corso dell’estate, ho avuto modo di collaborare con delle ragazze per la realizzazione di cover. La musica era in circolo, e sperimentavamo allontanandoci dai pezzi originali per creare sonorità più “nostre”. Ma più passava il tempo, più mi rendevo conto che era arrivato il momento di proporre mie canzoni.  Così ho avuto modo di firmare un contratto discografico con la SUGAR. Mi sono chiuso in studio e oltre a curare i testi, mi sono occupato anche della loro produzione. Da una rosa di pezzi, ho deciso di debuttare con Come se non ci fossi stata mai, che, dopo 3 mesi di lavoro, ha visto la luce lo scorso 30 marzo.»

Raccontaci la storia di questo nuovo singolo e le ispirazioni musicali che lo hanno influenzato.

«L’ho scritto tra ottobre e novembre, ed è un racconto autobiografico. Parla di una storia d’amore che però nella realtà non può esistere. Il “lui” della storia prova a dare comunque il massimo, anche se sa che, destandosi, la sua lei è “come se non ci fosse stata mai”.  È dunque un invito a superare i limiti che la razionalità spesso ci impone e lasciarsi andare, senza freni. Per quanto riguarda le influenze musicali, è vero che mi muovo sul genere pop, ma quest’ultimo al suo interno ha tantissime sfumature.  In realtà amo spaziare e muovermi liberamente, non  mi piace collocarmi  in un unico genere. Ultimamente ho ascoltato tantissimo l’ultimo album degli Imagine Dragons che sicuramente ha inciso sulle sonorità. Essendo inoltre produttore, amo pescare un po’ ovunque, liberamente, senza alcuna impostazione dietro.»

Possiamo definire questo singolo un primo “mattoncino” per un album futuro?

«Non posso rivelarlo al momento, ma è sicuramente una base su cui appoggiarci. Sicuramente non sarà l’ultima cosa che faccio. In cantiere abbiamo messo un paio di pezzi, ma non un vero e proprio album.»

Lo scorso martedì è uscito il videoclip di Come se non ci fossi stata mai. Anche qui abbiamo visto un cambiamento rispetto ai vecchi video del tuo canale YouTube.

«Però stavolta il videoclip è uscito non sul mio canale personale, bensì su uno nuovo su Vevo. È stato creato in collaborazione con i The Astronauts (un duo di produttori, che dal 2015 realizzano videoclip, tra gli altri, per i The Kolors e Riki [n.d.r]), di cui uno dei due è un mio caro amico. Io vivo a Milano e inizialmente avevamo una idea fighissima. Ma, a causa del bruttissimo tempo che ha imperversato su Milano tra fine febbraio e inizio marzo, per evitare di ritardare con l’uscita del singolo, siamo stati costretti a cambiare idea. Così il video si svolge quasi per intero dentro un localino milanese, con dei bei piano sequenza, dove il protagonista principale sono io. A lavoro terminato, grazie anche alla bravura dei ragazzi di The Astronauts, siamo rimasti davvero soddisfatti.»

E noi, con lui, siamo felici per il successo che sta riscontrando questo singolo. Ad maiora, Mario!

Qui il link per poter vedere il brano:

https://www.vevo.com/watch/mario-castiglione/come-se-non-ci-fossi-stata-mai/IT6091800013?isrc=IT6091800013&share_location=ingestion

Chiara Grasso

 

 

 

Chiara Grasso

Chiara Grasso

Catanese trapiantata a Bologna, sono una specializzanda in letteratura russa e inglese. Amo viaggiare, leggere, scoprire e, naturalmente, scrivere: di cultura, di moda e di tutto ciò che fa tendenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *