Knowhere News, un nuovo modo di fare giornalismo

Immaginate un sito di notizie perfettamente neutrale rispetto all’informazione che vuole fornire, nessun filtro se non quello della imparzialità. Un discostamento tale da far sembrare quegli articoli scritti da degli automi: e se fosse davvero così?

Knowhere News

È questo infatti il caso di Knowhere News, un sito realizzato da una start-up che – secondo quanto riporta focus.it – combina le capacità dei giornalisti ad un perfetto sistema di intelligenza artificiale capace di filtrare l’articolo da ogni tipo di schieramento.

Non finisce qui: infatti, il sistema in questione è perennemente alla ricerca delle notizie più popolari. Una volta individuato l’argomento da trattare, questo ne ricerca ogni possibile trattazione e sfumatura, selezionando una vasta gamma di fonti a cui rifarsi. Completata questa operazione, l’ultimo step è riscrivere la news, rimuovendo tutto ciò che non attiene alla notizia in quanto tale (quindi opinioni in merito, ecc).

A prova di fake news

Il sistema è anche a prova di fake news, un problema non poco avvertito nel 2018. Esso è infatti capace di riconoscere il grado di affidabilità di un blog, un sito o un giornale. Così facendo – oltre all’eventuale faziosità dell’articolo – viene anche fugata ogni ipotesi di diffusione di notizie false. Dulcis in fundo: in base all’argomento, talvolta vengono passate anche altre connotazioni del fatto trattato, oltre che quella imparziale.

La componente umana

È importante specificare, comunque, che la componente umana non viene del tutto cancellata. Infatti, la notizia viene poi rimodellata, sotto il punto di vista della forma, da giornalisti in carne ed ossa, che evitano che l’articolo sembri scritto da un qualsiasi bot. Questo ultimo passaggio presuppone, naturalmente, la massima professionalità di chi rivede il pezzo, che non deve farsi tentare dall’alterarlo.

Il futuro del giornalismo

Secondo quanto aggiunge focus.it, inoltre, la start-up ha ricevuto circa 1,8 milioni di dollari di finanziamenti: siamo di fronte ad una svolta nel mondo del giornalismo? Una riflessione in merito è doverosa. Avere al fianco dell’informazione un sistema che lotta contro ogni forma di impurità della notizia è un grande passo avanti nella lotta alle fake news e alla cattiva informazione.

Ma si badi bene, sarebbe alienante pensare che il futuro del giornalismo venga relegato tout court a questo modo di scrivere asettico e grigio. Si pensi, infatti, agli editoriali o ai pezzi di critica che – seppur non imparziali – spingono il lettore ad un confronto di idee necessario affinché questi sia poi capace di ragionare dinnanzi alla notizia nuda e cruda.

Francesco Raguni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *