Formula 1: a Baku trionfa Hamilton in una gara folle. Disastro Red Bull

L’inglese della Mercedes vince a sorpresa il quarto appuntamento del mondiale di Formula 1, una gara ricca di colpi di scena. La Safety Car in pista per la collisione fra Ricciardo e Verstappen, Vettel che domina per buona parte, ma nel finale commette un errore e perde la leadership del mondiale e con Bottas che fora a poco dal traguardo, consegnando la vittoria ad Hamilton. Da sottolineare la prestazione di un grande Leclerc, 6° al traguardo.

Le prime fasi

Al via Vettel scatta bene dalla pole, Hamilton ha a sua volta un buono spunto ma mantiene la posizione, così come Bottas, Ricciardo, Verstappen e Raikkonen dietro di lui. Passano tutti indenni alla prima curva ma alla seconda sono in troppi a voler primeggiare: Ocon si lancia su Raikkonen e il contatto è inevitabile. Gara finita per la Force India. Dentro la Safety Car. Scontro anche tra Alonso e Sirotkin, con la Williams costretta al ritiro. La lotta subito si concentra sulla due Red Bull: Sainz ne approfitta per infilarsi nel mezzo. Il compagno di scuderia Hulkenberg commette un errore e tocca le barriere danneggiando gomma e sospensione: gara finita per lui. La lotta tra le due Red Bull intanto non si placa, con Ricciardo che passa Verstappen ma poi di nuovo è costretto a cedergli la piazza.

Disastro Red Bull

Al giro 34 Ricciardo mette finalmente a segno il sorpasso su Verstappen. A 15 tornate dalla fine, Bottas è al comando su gomma rossa e deve ancora fermarsi. Oltre al finlandese della Mercedes, anche le due Red Bull devono ancora fermarsi. Usciti dal box la lotta tra i due non è finita: al giro 40 Ricciardo è in volata su Max, ma l’olandese nel difendersi si muove un po’ troppo e il contatto è inevitabile. Frittata fatta e doppio ritiro in casa Red Bull! La pista è invasa dai detriti, entra di nuovo la safety car. Passano subito dai box Bottas, Vettel, Hamilton e Raikkonen. Al rientro in pista Bottas è il leader davanti a Vettel, Hamilton e Kimi. Nello scaldare le gomme Grosjean finisce contro le barriere. Ritiro anche per lui, e così la Safety prolunga la sua corsa.

L’azzardo di Vettel

Tutto si è deciso nei tre giri finali quando la Safety Car rimasta a lungo in pista ha spento le luci ed è rientrata ai box. A quel punto chiaramente, visto il suicidio fratricida di entrambe le Red Bull, i distacchi fra i primi erano stati azzerati e Bottas precedeva Vettel, Hamilton e Raikkonen, tutti con le gomme più morbide. Passata la linea del traguardo Sebastian ha tentato l’impossibile per riprendersi una vittoria che sembrava ormai fuggire via. Ha preso la scia del finlandese della Mercedes e lo ha attaccato all’interno. Il tedesco ha osato troppo e con gli pneumatici non al massimo delle temperature non è riuscito ad evitare il bloccaggio e andando lungo.

La resa di Bottas

Valtteri si è ripreso la posizione e Seb è stato superato anche da Lewis e da Kimi. A quel punto la situazione vedeva le due Mercedes davanti alle due Ferrari con Kimi davanti a Sebastian. Ma la dea bendata non ha ancora finito di fare il suo lavoro e la gomma posteriore della FW09 di Bottas si affloscia all’improvviso costringendo il bravo driver alla resa. A vincere è stato così Hamilton davanti a Raikkonen, mentre Vettel ha perso anche il podio, in quanto superato da Perez con la Force India che ha sfruttato la spiattellata che Sebastian aveva dato alle sue gomme.

Le parole dei protagonisti

E’ vero non pensavo ce l’avrei fatta. Che dire è stata una vittoria davvero emozionante, il team ha fatto un lavoro eccezionale e Vallteri avrebbe meritato di vincere. Anche Sebastian ha fatto un lavoro eccezionale. Non me l’aspettavo, ma non abbiamo mai mollato“. Queste le parole di Hamilton una volta spenti i motori.
Nel paddock ha parlato anche Vettel in merito al suo errore:”Non ha funzionato ma non credo fosse esagerato il tentativo di sorpasso. E’ stato comunque un buon weekend“.
Sono arrivate anche la parole di Raikkonen:”Si la partenza non è stata perfetta, poi ho cercato di recuperare e alla
fine è andata bene, però non è stata una gara facile
“.
In Formula 1 tutto può accadere.

Ferdinando Piazza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *