Dating – La nuova rivoluzione Facebook

Mark Zuckerberg, fondatore del noto social network Facebook, nell’ultimo Keynote F8 ha annunciato  il lancio della nuova applicazione “Dating” a favore di incontri online.

Ritorno all’originale

Chi ha conosciuto la piattaforma Facebook sin dalle sue origini o chi ha visto The Social Network saprà bene che Facebook prima di essere tale nasceva in realtà come FaceMatch. Si trattava di un luogo virtuale in cui gli universitari di Harvard  (tra cui lo stesso Zuckerberg) sperimentavano un Tinder ante litteram. Si ritorna alle origini dunque con Dating, app di incontri online made in Zuckerberg: riuscirà il padre dei social a prenderci il cuore?

Di cosa si tratta

Uno schiaffo a Tinder ed alle app di incontri: con un profilo Dating sarà possibile incontrare anime gemelle in base ad aspetto ed interessi. Il motto: Meaningful connections, contatti pieni di significato. Dating, dichiara Zuckerberg, “è destinata a costruire relazioni autentiche e durevoli, non solo di una serata”.

Amore 2.0

È davvero possibile costruire connessioni reali e solide sulla base di un social network? Per prevenire una deriva negativa dell’applicazione (incontri occasionali, sexting) Dating sarà un’app ad esclusivo texting incentrata sul favorire gli incontri di utenti con interessi simili a discapito degli incontri da “una sola volta”.

Dating e privacy

Pro e contro: se il dating online elimina l’imbarazzo dell’incontro faccia a faccia ed espone gli utenti a numerosi altri affini, esistono diversi rischi nel momento in cui si decide di affidare altri dati personali all’ennesima applicazione. Dopo lo scandalo Cambridge Analytica la questione privacy è diventata ulteriormente delicata per Zuckerberg, resta dunque da vedere quali saranno i primi passi che la Made in FB Dating muoverà.

-Serena Valastro

Serena Valastro

Laureata in Lingue e culture Europee, amante di cinema, musica, arte ed informazione. Scrivere è entrare in nuovi spazi, conoscere qualcosa di nuovo, vivere situazioni e sensazioni sempre diverse per trasmetterle a chi vuole viverle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *