“Io non scopo” – La realtà di chi non prova attrazione sessuale

Il rapporto sessuale è l’attività più vecchia e comune del mondo. Atto di procreazione e (soprattutto) piacere interessa tutti gli esseri viventi sia nelle sue forme più tradizionali sia nei suoi meccanismi più “bizzarri”.

Uomini con donne, uomini con uomini o donne con donne, sembra coinvolgere insomma tutto il pianeta e costituire uno dei bisogni dell’uomo. Ma abbiamo davvero la certezza che possa definirsi tale e che accomuni tutte le persone?

L’asessualità smonta tutte le parole sopracitate: il sesso non è un bisogno fisico dell’uomo e non accomuna tutte le persone del mondo. L’1% della popolazione mondiale non prova nessun tipo di libido nei confronti né di uomini né di donne o entrambi. Importante sottolineare come sia proprio questa minoranza a fare le differenza.

Cosa dice la scienza?

Alle orecchie di molti tutto questo sembra un’utopia, un’assurdità. “E’ impossibile” “non è normale” “sarà sicuramente dovuto a qualche trauma di natura sessuale” . Per fortuna sono state condotte ricerche e studi che permettono di far chiarezza: Anthony Bogaert, della Brock University, dichiara dopo un studio di circa dieci anni che l’asessualità non è un disturbo. Chi si definisce asessuale non soffre di nessun problema psichiatrico, fisico o non ha alcuna disfunzione sessuale. Tutto è stato confermato da Lori Botto a capo di uno studio del 2010 .

Una domanda sorge spontanea: chi si definisce asessuale pensa effettivamente al sesso? I ricercatori della University of British Columbia hanno condotto un sondaggio i cui risultati sono stati inaspettati: più della metà si masturba e il 60% ha fantasie sessuali. Concretamente siamo riusciti a comprendere come il mondo degli asessuali sia molto variegato e complesso,  ciò ci aiuta a capire come questo orientamento si leghi esclusivamente alla sfera sessuale. In loro è presente un orientamento romantico che permette rapporti interpersonali di coppia, dove l’amore è vissuto solo in maniera platonica. Tutto ciò non deve confondersi con la castità religiosa ovviamente; la scelta di non avere rapporti sessuali si basa sul non esserne né interessati né attratti.

Alcuni studi ne rintracciano le possibili origini in fattori biologici ma è ancora presto per affermarlo con certezza. Il mondo ci offre sempre nuovi spunti di riflessione: la sessualità è una cosa così intima da essere spesso complessa e contradditoria.  Qui le etichette non servono; il sesso, ad oggi, non si riduce al semplice atto ma rappresenta un’espressione di libertà. Si concretizza sia nelle manifestazioni più estreme di fantasie sessuali sia nella decisione “anticonformista” per i nostri tempi, di non fare sesso.

Crediti foto: istockphotos

Fonti: https://www.ilfattoquotidiano.it/2015/08/14/sesso-no-grazie-ecco-chi-sono-gli-asessuali-il-glossario-per-comprendere-il-fenomeno/1958174/

http://www.centroilponte.com/sesso-no-grazie-siamo-asessuali/

Erika Giacira

Classe '98, frequento il primo anno di Lettere Moderne presso l'Università di Catania. Scrivo di tutto ciò che cattura la mia attenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *