Cibus 2018 – Il Salone Internazionale dell’Alimentazione sboccia a Parma!

Tempo di fiera e Cibus a Parma

Il territorio italiano quest’anno è stato, infatti, al centro di un importante evento internazionale, che ha coinvolto migliaia di espositori e buyer del settore food. Stiamo parlando di CIBUS il salone internazionale dell’alimentazione, tenutosi nella “tranquilla” cittadina di Parma dal 7 al 10 Maggio

Food e molto altro

Durante le tre giornate, molti sono stati, infatti, gli appuntamenti organizzati all’interno dei padiglioni della fiera. Dalle degustazioni di prodotti eco-innovativi alle cooking experience organizzate dai diversi espositori, fino ad appuntamenti dedicati all’healthy food, ai nuovi ingredienti sino a quelli con una territorialità e storicità.

Previsione del giorno: code e confusione

Il nostro viaggio ha inizio presto (ed allo stesso tempo in ritardo ndr). 7 km di coda in autostrada. Fortunatamente la dea bendata è dalla nostra parte e nonostante arriviamo con un quarto d’ora di ritardo nella tabella di marcia, arriviamo in fiera. Subito altra coda, l’ingresso è difatti sì molto scorrevole, ma il numero di persone presenti fa in modo che si perda ulteriore tempo ai controlli (apertura e chiusura delle borse/zaini, controllo per mezzo di metal detector, e controllo della validità dei biglietti. Subito dopo però, ci si immerge in un mondo completamente nuovo. Il più è fatto, sebbene la confusione ci abbia già colpiti, siamo dentro.

cibus_Millenials

Otto padiglioni tutti da gustare

Nei ben 135.000 m2 erano presenti ben 3.100 espositori, un record, quello della diciannovesima edizione, che batte le precedenti in tutto. Prodotti e marchi che presentavano e permettevano di degustare di fatto, prodotti innovativi. Dal salume stagionato  alla zuppa, fino alla bevanda al riso venere. Passando per la sfera di aceto balsamico da grattuggiare ed infine, la stracciatella snack (vincitrice del premio Cibus innovation 2018). Sono ben 1.100 i nuovi prodotti presentati al Cibus, e tra questi inoltre, 100 sono stati selezionati e qualificati come i più innovativi ed esposti all’interno dell’innovation corner. D’altra parte, siamo al Cibus.

cibus_Millenials

Edizione da record, 82 mila presenze e VIP d’eccezione

Alla fiera internazionale del cibo, non sono state poche, infatti, le persone provenienti da tutta Italia ed estero. La precedente edizione (la quale aveva chiuso con ben 72 mila visitatori e buyer) è superata grazie alle 82 mila presenze ancor di più, se consideriamo le 2 mila persone in aggiunta a quelle già preventivate. Numeri da capogiro dunque per la più importante fiera del food and beverage. Ospiti al suo interno, inoltre, personaggi di spessore nel campo gastronomico ed influencer. Alcuni nomi? Dagli chef Antonino Cannavacciuolo ed Heinz Beck (famoso per il suo ristorante La Pergola, a Roma, 3 stelle Michelin ndr), passando per le showgirl Elena Barolo, Giorgia Palmas, agli attori quali Lino Banfi, Claudia Galanti, Miss Italia 2017 Alice Rachele Arlach e la modella Cristina Chiabotto.

Federalimentare, nasce l’osservatorio alimentare

In occasione della fiera, i Giovani di Federalimentare lanciano l’osservatorio alimentare, una piattaforma digitale dedicata al settore agroalimentare italiano. La piattaforma ha infatti, l’obbiettivo di supportare e garantire un informazione corretta sui prodotti. Grazie a dati scientifici ed inoltre, contributi di elevato spessore da parte di studiosi, nutrizionisti e professori universitari si riesce a tutelare il consumatore dal peggior fenomeno che sta contagiando la rete. Inoltre, grazie all’osservatorio, nasce allo stesso modo un pronto-intervento contro le fake news che inquinano spesso il settore food and beverage.

Esperienza unica e consigliata

Per quanto ci riguarda, il salone si è dunque dimostrato in grado di stupire, offrendo infatti, prodotti di eccellenza made in Italy con elevati standard. Un esperienza da consigliare a tutti coloro i quali sono interessati a conoscere le sensazionali novità che le aziende del settore offrono ai consumatori. Che siate dunque buyer, influencer o semplici visitatori, il Cibus per riassumere, è un esperienza che riesce a stupire comunque e chiunque ed è da noi fortemente consigliato. Per il prossimo anno, s’intende.

Alessandro Todero

Alessandro Todero

Classe 1992, nato alle pendici di Mongibello (comunemente conosciuto come Etna) a Catania, in Sicilia. Tra il profumo degli agrumi, e il sapore caratteristico degli arancini, ha intrapreso la via dell’attivismo politico-culturale promuovendone le diverse sfaccettature che si stanziano nel territorio catanese. Maturità artistica e Laurea in Pianificazione e tutela del territorio e del paesaggio, ha la propensione per i temi quali: Architettura, Arte ed Ambiente. Oggi trascorre il proprio tempo tra associazionismo, volontariato e studi di tutela ambientale presso il Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente (Di3A) nel corso di laurea magistrale in Salvaguardia del territorio, dell’ambiente e del paesaggio. Un aggettivo caratterizzante? MULTITASKING!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *