Messi vs CR7: è il Mondiale più atteso

Ormai mancano solo 5 giorni al via del Mondiale russo, che aprirà i battenti con la sfida Russia-l’Arabia Saudita. Quello che sta per partire sarà un mondiale strano, particolare; non ci riferiamo solo all’Italia, che non sarà tra le protagoniste, ma ci riferiamo al fatto che questo è un torneo che segna la fine di una generazione che ci ha trascinato per anni davanti al televisore. Riflettendoci su, è facile ipotizzare che questo possa essere l’ultimo atto in un mondiale anche per Messi e Cristiano Ronaldo, ormai non esattamente dei giovani. Nel caso opposto, qualora Leo e Cristiano facessero parte anche del prossimo Mondiale nel 2022, è praticamente certo che non sarebbero quelli di adesso: avranno rispettivamente 35 e 37 anni, troppo avanti con gli anni e, visto anche il ruolo, sarà tutto diverso. Un motivo in più per seguirlo questo mondiale, pur senza tifo.

Un tabù da sfatare

Ecco perchè questo in Russia è il Mondiale più importante della carriera per i due, ma soprattutto per il dieci argentino. Proprio in Leo Messi sono infatti riposte tutte le attenzioni di una Nazionale, l’albiceleste, non esattamente piena di talento tranne che in attacco. Per Messi questo è il torneo della carriera, è l’ultima occasione che ha per poter raggiungere il trofeo più importante, quella coppa che gli consentirebbe di travolgere il mito di Maradona. Il rapporto tra la Nazionale e Messi è stato molto travagliato nel tempo, soprattutto a causa dei risultati, per le due finali perse, una in Copa America e l’altra proprio al Mondiale. Un rapporto che era addirittura terminato secondo le prime parole di Lionel, salvo poi ripensarci.

Adesso il rapporto fra le parti è solidissimo, e Messi sembra più che mai carico e deciso ad alzare la coppa, basterà all’Argentina?

La favola

Ronaldo ed il Portogallo, condotto ad una clamorosa quanto meritata vittoria all’Europeo di qualche anno fa. Il Portogallo non è attrezzato per vincerlo questo titolo, ma arriva alla sfida da campione d’Europa in carica, sarà difficile batterli. Per CR7 l’obiettivo è stupire, considerando di aver già dato tanto alla sua gente, alla sua nazione. L’obiettivo del Portogallo è quello di andare quanto più lontano si può, contando sulle motivazioni fortissime del fuoriclasse, Cristiano Ronaldo, che sa di esser giunto al suo ultimo Mondiale da protagonista assoluto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *