Formula1: in Canada Vettel vince e torna in testa al mondiale

Sebastian Vettel si impone senza grosse fatiche al termine di un Gran Premio del Canada dominato dal primo all’ultimo giro. Il tedesco della Ferrari, complice anche il quinto posto di un deludente Lewis Hamilton si riporta al comando della classifica iridata con un solo punticino (121 contro 120) sul suo più grande rivale. Secondo posto per Valtteri Bottas, bravo a tenere il ritmo indiavolato del ferrarista, senza tuttavia mai davvero riuscire a impensierirne la leadership. Chiude il podio Max Verstappen.

La partenza

Al via del Gran Premio del Canada di Formula 1 Vettel riesce a mantenere la prima posizione mentre Bottas deve difendersi da Verstappen. Piccola incertezza al via dell’altra ferrari, così Raikkonen viene scavalcato da Ricciardo. Nelle retrovie Stroll perde il controllo della sua Williams e travolge la Toro Rosso di Brendon Hartley. Il neozelandese sfiora paurosamente la rete di protezione e finisce addosso al collega. Si sviluppa una carambola con le macchine che arrestano la loro corsa incontrollata nella via di fuga. Per fortuna entrambi non riportano danni fisici, inevitabile l’ingresso in pista della Safety Car.

Dominio Vettel

Al termine del quarto giro la Safety Car si fa da parte, riprende la gara. Vettel allunga subito su Bottas alle prese con un arrembante Verstappen. Un contatto alla prima curva tra Sainz e Perez, con il messicano della Force India che va in testacoda ma riesce a tornare in pista e a proseguire la sua gara. Ne approfitta Charles Leclerc che entra in zona punti. Nel frattempo Vettel con una serie di giri veloci distanzia gli inseguitori, Bottas è l’unico che prova a stargli dietro, Verstappen perde contatto dal duo di testa. Hamilton invece sta combattendo con un motore che non eroga la massima potenza nei rettilinei e gli crea non poche preoccupazioni. Domenica anonima per Raikkonen incapace di accodarsi a Ricciardo. Grazie al valzer dei pit stop l’australiano scavalca il britannico che scivola in sesta posizione.

Pit-stop e duelli

Al 34^ giro Raikkonen si ferma ai box per il pit stop, il finlandese torna in pista appena dietro a Hamilton. Il capolavoro ai meccanici Ferrari, autori di un cambio gomme velocissimo, non è sufficiente per riuscire nel sorpasso. Tre tornate più tardi è la volta di Bottas, imitato poco dopo da Vettel che mantiene il comando della gara. Più indietro Raikkonen prova nuovamente a pressare Hamilton ma ci vuole ben altro per metterlo in crisi. Le Red Bull di Verstappen (virtualmente sul podio) e Ricciardo restano irraggiungibili. Fuori dalla zona punti Fernando Alonso che vince il duello con Charles Leclerc prima di accusare un improvviso calo di potenza che lo costringe al ritiro.

Le due bandiere a scacchi

Nell’ultimo quarto di gara Bottas ha provato ad azzerare il gap nei confronti del tedesco ma il finlandese va lungo e spiattella le gomme. La Ferrari può piazzare quindi l’allungo decisivo mentre Verstappen si rifà sotto e compare minacciosamente negli specchietti della Freccia d’Argento guidata dal finlandese che riesce comunque a difendere la posizione. Grande delusione per Raikkonen che non riesce a scollarsi dalla sesta posizione, seguito, in zona punti, da Hulkenberg, Sainz, Ocon e Leclerc. Piccolo fuori programma nel finale con la modella Winnie Harlow che sventola la bandiera a scacchi con un giro d’anticipo e per poco non combina un disastro. Vettel però è concentrato e sa che non è ancora arrivato il momento di alzare il piede e guida fino al termine dell’ultimo, vero, giro.

Parola ai protagonisti

“So quanto significa questo circuito per la Ferrari e fare una gara come quella di oggi è incredibile – afferma Vettel -. Era un lunghissimo periodo che la Ferrari non vinceva qua, stasera faremo una grande festa, devo dire grazie alla squadra. Vedere una Ferrari che vince oggi, sul circuito intitolato a Gilles Villeneuve, con me alla guida mi rende fiero”. Sulla classifica iridata: “La strada è ancora lunga, non mi preoccupo più di tanto ma è un buon effetto collaterale”.
Bottas ha dichiarato:”Fin dal primo giro Vettel è sembrato più veloce, ha controllato la gara e ha spinto quando c’era da spingere. Noi abbiamo avuto qualche guaio alla fine col carburante e Verstappen si è avvicinato ma oggi abbiamo fatto il massimo”

La Ferrari torna a vincere in Canada a 14 anni di distanza dall’ultimo successo della Rossa sul circuito intitolato a Gilles Villeneuve: Sebastian Vettel trionfa e taglia il traguardo per primo davanti a Bottas e Verstappen che lo accompagneranno sul podio, dal quale rimangono giù Ricciardo e Hamilton che perde la leadership nel mondiale proprio a vantaggio di Vettel che torna in testa nella classifica piloti.

Ferdinando Piazza

Ferdinando Piazza

Studente di giurisprudenza iscritto presso l'ateneo di Catania. Redattore e responsabile del settore sportivo all'interno della redazione di Millennials. Giornalista per diletto, sportivo per passione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *