Mondiale: Da Modric a Lukaku, il momento giusto?

La strada che porta alla finalissima di Mosca è definita: la Francia con il Belgio, la Croazia con l’Inghilterra, tutte con delle buone chance per sognare al massimo.

Croazia e Belgio, due nazionali outsider, che con il passare delle partite hanno avuto strade diverse. Utile sottolineare il talento delle due squadre, una grande arma. Talento che hanno, e molto, anche i francesi e gli inglesi, ma per Croazia e Belgio è diverso, la sensazione è che questo sia l’apice di una rincorsa che inizia davvero molti anni fa. Mai vinto un Mondiale per entrambe, nessuna delle due è considerata una dell’olimpo del calcio, sono viste quasi come un elemento di sorpresa. Sorpresa che non esiste, data la loro crescita. Le stelle possiamo ridurle a due ad esser sintetici, Modric ed Hazard, ma come lasciar perdere Lukaku? E Rakitic? De Bruyne? Parliamo di squadre piene di talenti cresciuti, che ad oggi sono attesi dal passo finale. Sono due squadre tanto talentuose quanto incostanti.

Per questo la Francia sembra essere la strafavorita, è l’unica fortissima in tutto.

Capitolo Belgio

La selezione di R.Martinez è quella che ha avuto il percorso più ad ostacoli. Prima la strana partita con il Giappone, ma soprattutto poi la grande prestazione contro il Brasile, la favorita al Mondiale di Russia. Per Lukaku&co adesso tocca la Francia, anch’essa tra le favorite alla vittoria. Le caratteristiche sono le stesse di quelle viste durante la fase a gironi, una squadra a dir poco entusiasmante in avanti, ma dietro un pò lascia al caso. La sensazione è che Vertonghen e tutti gli altri avranno vita dura per fermare l’attacco francese.

Capitolo Croazia

In totale sincerità, ci si attende sempre di più, ma questo è forse quel limite che possiede questa nazionale per DNA, è incostante. Un mix perfetto di talento, forza e classe. In mezzo hanno quello che è per molti il centrocampista più forte al mondo, ovvero Luka Modric, seriamente inserito nella grande scalata al Pallone d’Oro, la Russia sarà decisiva. Un percorso, quello croato, più semplice, almeno alla vigilia, ma che poi è stato molto complesso. Prima la Danimarca, la Russia e adesso l‘Inghilterra. Le prime due sono state vinte ai rigori, dopo un 1-1 ed un 2-2. Cosa dimostra? Questa è una squadra che non molla, e su questo non si discute. Secondo luogo, abbiamo capito che i rigori sanno calciarli, e Subasic è un para-rigori eccellente. Basterà per arrivare in finale? Probabilmente no, ci si attende il talento vero in campo con Kane.

Per Croazia e Belgio è come se fosse l’ultima occasione, probabilmente la prima che dà serie possibilità. Tuttavia, sebbene Croazia-Belgio finalissima sarebbe uno show, al momento chi convince di più è la Francia, senza trascurare l’ottimo clan costruito da Gareth Southgate. Un Mondiale incerto, dove la finale sarà una roba sconosciuta, l’inedito.

Lukaku, Modric e via dicendo, adesso può davvero essere il momento esatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *