Formula 1: a Spa vince Vettel, ma che paura al via!

Ieri si è disputato il Gran Premio del Belgio, che ha preso il via a Spa-Francorchamps, circuito che ospita il tredicesimo appuntamento del mondiale 2018 di Formula 1. Sebastian Vettel ha pareggiato il conto delle vittorie in questo 2018: 5 successi per il tedesco, così come Lewis Hamilton. Incredibile ciò che è successo al tornantino della Source. Hulkenberg si dimentica di avere i freni e centra in pieno Fernando Alonso. Lo spagnolo spicca il volo e decolla, atterrando sulla Sauber-Alfa Romeo di Charles Leclerc. Un incidente spettacolare che poteva avere conseguenze drammatiche se non fosse stato per il tanto criticato Halo.

Sorpassi ed incidenti al via

Le emozioni non si fanno attendere e con un sorpasso da urlo in fondo al lungo rettilineo del Kemmel, Sebastian Vettel prende la scia e soprattutto la posizione a Lewis Hamilton. Dietro i due litiganti le Force India di Ocon e Perez, con il francese che per poco non sverniciava tutti quanti. Nelle retrovie si verifica un incidente terribile, fortunatamente senza conseguenze. Hulkenberg ritarda la frenata e travolge Fernando Alonso che spicca letteralmente il volo. La McLaren dello spagnolo ricade sopra la Sauber-Alfa Romeo di Charles Leclerc, davvero spaventosa la dinamica dell’incidente, ma grazie all’halo il pilota francese esce incolume dall’abitacolo. Nel caos Raikkonen fora la gomma posteriore destra e deve rientrare ai box. Peggio va a Ricciardo che con l’ala posteriore distrutta non può andare da nessuna parte. Entrambi sono stati colpiti dalla vettura impazzita di Alonso.

Verstappen in rimonta, Raikkonen k.o.

Al termine del quarto giro la safety car – entrata in pista dopo l’incidente al via – si fa da parte e rientra ai box, la gara riparte! Vettel resiste all’attacco di Hamilton e prova a sgranare il gruppo, Verstappen mette pressione alle Force India e porta a casa due grandi sorpassi in fondo al Kemmel. La Red Bull è troppo veloce e nei corpo a corpo l’olandese è imbattibile. Purtroppo la gara di Kimi Raikkonen dura meno di 10 giri, la gomma forata gli ha danneggiato in maniera irreversibile il fondo della sua SF71-H e i tecnici Ferrari hanno ritenuto opportuno fermarlo visto che ormai la domenica era compromessa. I meccanici della Red Bull, invece, sono riusciti a riparare l’ala posteriore di Ricciardo, che è stato rimandarlo in pista.

Stategie a cambio gomme

Un momento cruciale è stato svolto dal cambio gomme. Al termine del 22^ passaggio il leader del mondiale Lewis Hamilton, prende la via dei box montando un set di pneumatici soft. Il britannico rientra dietro a Max Verstappen che lo ostacola quel tanto che basta per consentire a Sebastian Vettel di fermarsi e tornare in pista mantenendo il comando della corsa. Hamilton non avrà poi problemi a sbarazzarsi dell’olandese che gira con gomme ormai a fine vita. Le posizioni dunque rimangono invariate con una Ferrari davanti a una Mercedes.

Al traguardo

Sebastian Vettel, nei giri successivi si limita ad amministrare e giungere alla bandiera a scacchi, vincendo il Gran Premio del Belgio. Il pilota tedesco della Ferrari non ha sbagliato davvero nulla conquistando il quinto successo stagionale, grazie al sorpasso su Lewis Hamilton nel corso del primo giro. La SF71-H si è rivelata imprendibile e il britannico non ha potuto far altro che accontentarsi della seconda posizione. In virtù dei 24 punti di vantaggio nella classifica del mondiale piloti Hamilton non ha forzato più di tanto gestendo la power-unit in vista di Monza dove invece la componente motore subirà uno stress molto importante. Max Verstappen regala spettacolo e sale sul terzo gradino del podio. Valtteri Bottas, partendo dal fondo, conquista un prezioso quarto posto in ottica costruttori. Piazzamenti importanti per la Force India con il quinto posto di Perez e il sesto di Ocon.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *