Coca-Cola: cosa succede quando la beviamo?

La Coca-Cola (nota anche come Coke) è forse la bevanda analcolica più conosciuta al mondo, una delle più amate e più discusse. Nacque più di un secolo fa, nel 1886, e da allora ha conosciuto una continua ascesa. Ma oggi i consumatori si chiedono: che effetti provoca il consumo di tale bevanda sul nostro organismo?

Il marchio

Coca-cola, MILLENNIALS, bevanda analcolica, coke, taste the feeling

8 maggio 1886: John Stith Pemberton, farmacista statunitense, inventa nel suo laboratorio di Atlanta un nuovo farmaco che contrasti mal di testa e stanchezza, la “Pemberton’s French Wine Coca”: l’idea era quella di riprodurre una variante del già conosciuto “vino di coca”, bevanda che poi lui stesso modificò sostituendo al vino un estratto di noci di cola (pianta tropicale). Venne così creata una bevanda a base di coca e cola, la Coca-Cola. In seguito questa subì ulteriori cambiamenti, ma come è fatta realmente? Cosa succede al nostro organismo quando la assumiamo?

Effetti della Coca-Cola sul corpo umano in 60 minuti

Coca-cola, MILLENNIALS, bevanda analcolica, coke, taste the feeling

Acqua, anidride carbonica, caffeina, colorante sintetico, sciroppo di zucchero, acido fosforico ed estratto di foglie di coca sono i principali ingredienti di questa famosa miscela. L’acido fosforico in particolare ha la funzione di contrastare il sapore eccessivamente dolce dato dalla enorme quantità di zucchero (10 cucchiaini) contenuta nella Coca-Cola. Niraj Naik, ex farmacista britannico ha pubblicato i risultati di una sua ricerca che analizzerebbe i 6 effetti che una sola lattina scatena sul corpo umano nel corso di 60 minuti rispondendo ad un quesito comune tra i consumatori.

Tutte queste sostanze danneggiano il nostro organismo? 

Coca-cola, MILLENNIALS, bevanda analcolica, coke, taste the feeling

Dopo 10 minuti una consistente quantità di zuccherò viene immessa nell’ organismo, soddisfacendo il fabbisogno giornaliero. Dopo 20 minuti poi lo zuccherò fa innalzare l’insulina, ed il fegato trasforma lo zucchero in grassi. Successivamente l’organismo assorbe la caffeina, facendo così alzare la pressione. Dopo 45 minuti viene facilitato il rilascio di dopamina, stimolatrice dei centri del piacereDopo un’ora l’accelerazione del metabolismo provocato dalla caffeina stimola la diuresi, che provoca l’espulsione di sostanze utili all’organismo per l’idratazione e l’ottimale cura delle ossa. Successivamente ad i 60 minuti la glicemia crolla repentinamente, scatenando irritabilità e spossatezza.

Vi sono poi rischi sempre più seri, ma bisogna comunque tenere a mente che tali effetti vengono scatenati da un abuso di Coca-Cola. Insomma berla va bene, purché con moderazione. 

-Serena Valastro

Serena Valastro

Serena Valastro

Laureata in Lingue straniere e profondamente innamorata di cinema, musica, arte ed informazione. Scrivere un articolo è per me entrare in mondi in movimento, conoscere qualcosa di nuovo che mi permetta di vivere situazioni e sensazioni sempre diverse per poi trasmetterle a chi, a sua volta, vuole viverle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *