Sacrificio e Uruguay: la storia di Oscar Tabarez

L’Uruguay è terra di talenti per il calcio di ogni generazione: Suarez e Cavani su tutti, senza dimenticare Forlan. Questa è però una terra, o meglio una Seleccion (la Celeste) , che si affida e si può semplificare, da ormai vari anni, ad un uomo: Oscar Tabarez.

Passione e dedizione

Tabarez è uno degli allenatori che meno si sono prestati alle luci dei riflettori, almeno fino a qualche mese fa, quando al Mondiale si presentò in stampelle, ma procediamo con ordine. Il Maestro soffre di una neuropatia che attacca il sistema motorio ed ecco quindi spiegato il motivo delle stampelle: ma poco importa, dice Tabarez.

La conferma della sua forza, se mai sia poco riconosciuta, arriva dal prolungamento del proprio contratto sulla panchina delle Celeste: fino al 2022, contro ogni male. Questo contratto permetterà al Maestro di guidare la propria nazionale pure al prossimo Mondiale, in Qatar nel 22.

Tutti i record

Tabarez è già detentore di più record: è l’allenatore di una Nazionale più longevo in circolazione, è il primatista per Mondiali svolti, ben 4 (con il rinnovo si prospetta il 5). Nella sua lunghissima carriera è stato su panchine di club importanti: in Italia con il Milan ad esempio, oppure al Boca Juniors.

La sua storia però è legata indissolubilmente alla Celeste, dove è alla guida da più di un decennio, non sbagliando davvero niente. L’Uruguay di Tabarez viene alla luce nel 1988, da allora niente sarà come prima. La sua Celeste si è qualificata a quattro Mondiali (per primo Italia 90) di cui due giocati da assoluta protagonista. Tabarez ha lanciato in Nazionale gente come Suarez, Cavani e Forlan e al Mondiale recente non ha avuto dubbi sul promettente Bentancur.

In un calcio indirizzato verso il solo motivo di guadagno, la storia di Oscar Tabarez è una di quelle che merita di essere raccontata. Un uomo come lui ha avuto tanto dal calcio, potrebbe starsene benissimo lontano dall’ambiente e potersi dedicare totalmente a cose più importanti, ma invece no, la Celeste viene prima di tutto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *