Non ricordi quello che leggi? Prova Sans Forgetica

La memoria è quell’amica di vecchia data che ormai abbandoniamo troppo spesso, è una relazione con qualcuno con cui non sentiamo di avere più la stessa sintonia. La memoria è tutto questo, ma vogliamo davvero dirle addio? Forse un nuovo tipo di scrittura digitale ci aiuterà a mantenerla viva. 

Sans Forgetica

sans forgetica, font, scrittura, computer, memoria, lettura, università, innovazione

Dal Royal Melbourne Institute of Technology arriva il Sans Forgetica, un nuovo carattere tipografico che facilita la memorizzazione dei testi scritti. Scaricabile gratuitamente dal sito dell’università, questo nuovo font prometterebbe a chi dimentica facilmente ciò che ha appena letto di assimilarlo nella maniera più efficace. La promessa è quella di migliorare l’elaborazione cognitiva e l’ostico processo di memorizzazione.

Quello che c’è dietro

sans forgetica, font, scrittura, computer, memoria, lettura, università, innovazione

Tutto questo sarebbe possibile grazie, paradossalmente, alla difficoltà di lettura del font stesso, che spingerebbe chi legge ad approfondire il significato delle singole parole così che queste rimangano impresse nella memoria. Un team di cervelloni ha deciso di sfruttare quella che in psicologia cognitiva viene chiamata “difficoltà desiderabile” (Desirable difficulty), una serie di ostacoli durante l’apprendimento che apporterebbero notevoli benefici a lungo termine.

Funziona?

Per memorizzare un testo più facilmente basterebbe quindi mettere insieme lettere all’apparenza disordinate e caotiche. Di certo non ci si aspettano risultati miracolosi dal Sans Forgetica, ma dai vertici accademici un miglioramento è garantito. Non resta che provare per credere.

-Serena Valastro

Serena Valastro

Serena Valastro

Laureata in Lingue straniere e profondamente innamorata di cinema, musica, arte ed informazione. Scrivere un articolo è per me entrare in mondi in movimento, conoscere qualcosa di nuovo che mi permetta di vivere situazioni e sensazioni sempre diverse per poi trasmetterle a chi, a sua volta, vuole viverle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *