Esce Gipsy Prince, l’ultima fatica di Luca “L’Elfo”

Approcciarsi ad un artista locale è difficile. Molto. Specie se è quell’artista di cui sentivi parlare quando andavi a scuola e adesso, cresciuto e un po’ ‘ripulito’, ti rendi conto di averlo perso di vista.

Luca Rosario Trischitta, in arte L’Elfo, nasce a Catania nel Gennaio del 1990, si avvicina alla cultura Hip Hop nel 2003 dai pennarelli in tasca al freestyle il passo è breve, si appassiona al rap ed inizia così una lunga gavetta che lo porterà fino a MTV Spit, nell’Autunno del 2014 assieme ai più importanti esponenti del panorama nazionale.

L’Elfo presenta Gipsy Prince, un disco che ha visto la luce in dieci mesi, con sonorità moderne che spaziano dal pop alla trap, sempre capaci di strizzare l’occhio a quella Old School che si trasmette in testi sempre ricercati. Come chi guarda al futuro ma non dimentica da dove è venuto, rivendicando coraggiosamente le proprie radici.

Gipsy Prince rappresenta quindi l’ultima fatica de L’Elfo, resoconto di un percorso nato tra le strade di una Catania che la “classe 90” conosce bene e fatta di freestyle, traguardi e brusche cadute, ma anche di collaborazioni importanti (spicca tra tutti quella con Inoki in Capo).

I primi pezzi sono la tenace affermazione di chi ha convintamente scavato nella pietra lavica la propria appartenenza al mondo del rap sottolineando la propria catanesità in un mondo in cui le radici sono tristemente e troppo spesso motivo di vergogna più che d’orgoglio.

Piccola chicca è ‘Carusi ro Sud’, pezzo capace di raccontare le tante difficoltà di chi a Catania -ma non solo- prova a farcela, condito dallo sguardo nostalgico di un ragazzo cresciuto a “strette di mano e baci nelle guance”.

Da ascoltare senza esitazione. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *