Brexit “in a nutshell”, per capirci qualcosa

Tutti parlano di Brexit, tutti scrivono di Brexit. Ma per un Millennial cittadino d’Europa, cosa è e cosa significa Brexit? 

Strappo europeo

Brexit, regno unito, uk, gran bretagna, europa, unione europea, accordo, stati europei, politica, mondo, ue

Brexit: letteralmente British-exit, ossia la decisione del Regno Unito di separarsi dall’Unione Europea, unione politica ed economica di 28 paesi che, in assenza dei britannici, resterebbero in 27. Se la separazione dovesse andare in porto, il Regno Unito porrà fine ad una relazione con l’UE durata 46 anni. 

Perchè Brexit?

L’inizo della fine dei rapporti UK-UE è avvenuto il 23 giugno 2016 dopo un referendum, voto pubblico che ha chiesto ai cittadini britannici di esprimersi sul leave o sul remain. I risultati del voto hanno lasciato sconvolti alcuni, soddisfatti altri, perplessi molti: il leave ha vinto sul remain con una percentuale del 52% contro il 48%. Ciò nonostante il Regno Unito non ha subito tagliato i ponti con l’UE, questo dovrebbe avvenire non prima del 29 marzo 2019 – forse?

ItMaybe the end

Brexit, regno unito, uk, gran bretagna, europa, unione europea, accordo, stati europei, politica, mondo, ue

Un divorzio lungo anni. Non si fa altro che parlare del withdrawal agreement, ossia delle condizioni poste su questo traballante ed incerto divorzio tra lui e lei, Regno Unito ed Europa. Ma come in ogni coppia che si rispetti, i due non sembrano proprio riuscire a trovare un accordo che soddisfi entrambi, ed ecco perchè in UK ed in tutta Europa si avverte un clima di incertezze e forti perplessità riguardo al futuro, specialmente dopo che tale accordo è recentemente saltato, bocciato dal Parlamento britannico lasciando la situazione ad un nulla di fatto (contrari all’accordo May-UE =432, favorevoli= 202). Now, what?

The plastic lady

Brexit, regno unito, uk, gran bretagna, europa, unione europea, accordo, stati europei, politica, mondo, ue

Theresa May, Primo Ministro britannico, viene vista come un condottiero che conduce la propria nave alla deriva. Ben lontana dall’essere una iron lady, sarà ricordata – comunque vada a finire – come il primo ministro responsabile della più grande sconfitta per una mozione di governo dal 1918. Le domande che l’Europa, e il suo stesso governo le pongono sono numerose: sotto quali condizioni avverrà il “divorzio”? Che ne sarà dei cittadini britannici in Europa e dei cittadini europei nel Regno Unito? Ci sarà la così tanto temuta barriera tra Irlanda del Nord e Repubblica d’Irlanda? 

Cosa succederà adesso? Quel che è certo è che c’è poco di certo; da parte nostra non ci resta che aspettare e guardare che direzione prenderà quella terra piena di opportunità che una volta era l’Europa.

-Serena Valastro

Serena Valastro

Serena Valastro

Laureata in Lingue straniere, amante di cinema, musica, arte ed informazione. Scrivere un articolo è entrare in nuovi mondi, conoscere qualcosa di nuovo, vivere situazioni e sensazioni sempre diverse per trasmetterle a chi, a sua volta, vuole viverle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *