Hamsik-Napoli: i 3 motivi per cui è giusto darsi l’addio

All’improvviso, dopo la netta vittoria del Napoli sulla Samp, il tecnico azzurro Ancelotti ha detto, senza troppi giri di parole, che il capitano Marek Hamsik lascerà presto gli azzurri, club con cui è legato da una vita calcistica.

I motivi

Cedere Hamsik adesso, senza poter trovare un sostituto e con le ambizioni sempre alte è complesso, ma ci sono dei motivi per cui è giusto cedere Marek Hamsik.

Parliamo di una bandiera del club, un calciatore e prima ancora uomo che ha dato tutto per una maglia: 520 partite, 123 gol. Sia il primo che il secondo sono record assoluti con la maglia napoletana, superando quota gol in ogni competizione gente come Diego Armando Maradona. Un giocatore simbolo di Napoli che in un non remoto passato rifiutò squadroni da sempre più blasonati: è un tipo di legame troppo intenso, se il giocatore ha realmente chiesto di andare, non è corretto ci sia un opposizione esagerata.

Il secondo motivo è di carattere tattico. Diciamoci la verità, il grande Ancelottii ama Hamsik ma preferisce la gioventù di Fabian Ruiz, il talento di Zienliski, la strapotenza di Allan. Hamsik per duemila motivi paga sotto molti aspetti la gestione Carlo Ancelotti, anche se i ritmi restano alti, come testimonia quella che probabilmente passa alla storia come l’ultima di Marek con il Napoli, ovvero una grande partita contro la Sampdoria. Se esiste una chance importante insomma, il Napoli sapeva di aver le spalle coperte, una cessione tatticamente meno dolorosa di quanto sembri, anche se viene comunque a mancare un calciatore bravo nel palleggio e fisicamente forte, con la dote di inserimento, una dote che spesso la riesce a tramutare in go.

Il terzo motivo è prettamente di carattere economico. I cinesi del Dalian offrono una decina di mln al giocatore, una decina al Napoli anche. Stiamo parlando di un calciatore over 30 che probabilmente ha dato il meglio di sè, le cifre vanno rispettate.

-Marco Cavallaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *