Riscaldamento globale su tela. Alper Dostal invita a riflettere

Il riscaldamento globale porta con sé un caldo rovente, un caldo che può distruggere tutto quello che di più caro abbiamo, perfino l’arte. Difficile da immaginare? Purtroppo no e la mostra Hot Art Exhibition ne è la prova lampante.

L’arte lancia un segnale d’allarme

Hot Art Exhibition, è questo il nome della mostra d’arte digitale attraverso la quale Alper Dostal, artista viennese, lancia un segnale d’allarme sul riscaldamento globale.

Immaginatevi di avere di fronte a voi alcune tra le opere che hanno segnato la storia dell’arte del XX secolo. Avete finalmente la possibilità di ammirare, in tutta la loro bellezza, i lavori di artisti del calibro di Dalì e Mondrian; state analizzando con cura Guernica di Pablo Picasso, state osservando con minuziosa attenzione i particolare de La notte stellata di Van Gogh. Immersi nella contemplazione del patrimonio artistico di questi maestri vi rendete conto che presto il sogno diventa incubo.

Si perché nulla sfugge al caldo afoso; pure l’arte, che sembrava fino a ieri intoccabile, si scioglie dinanzi alle torride temperature portate dal riscaldamento globale.

Dostal, attraverso la distruzione di alcune tra le colonne portanti dell’arte moderna, vuole infatti lanciare un chiaro messaggio agli amanti dell’arte e non. Senza mezze misure mostra, attraverso il suo lavoro, gli effetti devastanti che il surriscaldamento sta avendo sul nostro Pianeta. L’artista austriaco in una maniera forte, cruda (e anche efficace) cerca di sensibilizzare tutti su un argomento tanto attuale quanto allarmante.

Dostal, designer multidisciplinare

Alper Dostal si definisce un designer multidisciplinare, nonché artista che attraverso i propri lavori libera la propria vena creativa. In questo caso è chiaro come il suo lato artistico sia fortemente legato ad una forte sensibilità morale.

Riguardo al proprio lavoro Dostal afferma:

Descriverei il mio lavoro come estetico, un po’ bizzarro, umoristico e con un pizzico di sarcasmo, ma spesso con una storia dietro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *