Imparare le lingue a sorsi di vino

Vi sarà capitato sicuramente di trovarvi ad una bella tavolata con gente straniera, a cui ci si è sforzati di andare incontro, sfoderando il vostro inglese migliore. Quel che forse avete notato (e che avete faticato a credere) è che a ogni sorso del vostro gin tonic la vostra lingua era più sciolta, le parole fluivano meglio, la pronuncia da very british veniva fuori e i discorsi si elevavano dal classico the pen is on the table.
Si è trattato solo di un’impressione?

lingua, lingue straniere, very british, brexit, alcol

No, è tutto vero!

Pare che assumere qualche dose di alcol aiuti davvero a migliorare le proprie capacità linguistiche e renda migliori le proprie performance. Ergo: l’alcol aiuta a parlare meglio le lingue straniere.

Lo studio

Del condurre la ricerca si è incaricata l’Università di Liverpool che ha poi pubblicato lo studio condotto e i suoi risultati sulla nota rivista Journal of Phsycopharmalogy.

L’esperimento prevedeva l’impiego di cinquanta partecipanti di madrelingua tedesca che avevano intrapreso l’apprendimento della lingua olandese. Ad alcuni è stata somministrata qualche dose di alcol, ad altri solo bevande analcoliche. Successivamente è stato chiesto loro di sostenere una conversazione in olandese con due esaminatori madrelingua, ignari di chi avesse assunto alcol o e chi no. Finito l’esperimento, i due esaminatori hanno decretato i migliori parlanti e, con grande stupore, questi erano coloro che avevano assunto alcol.

Le motivazioni

Chiaramente lo studio dovrebbe essere approfondito per poter arrivare a un risultato chiaro e definitivo. è però vero che sulla base di ciò che è venuto fuori, chi ha ricevuto “la spintarella alcolica” possedeva una pronuncia nettamente migliore, una sicurezza maggiore e in generale una padronanza linguistica superiore.

lingua, lingue straniere, other longuage, alcolico, gin tonic, alcol

Una probabile motivazione risiede nell’abbassamento dello stress e dell’inibizione che si concretizza in sicurezza nel parlare una lingua straniera e nel superamento del cosiddetto “filtro affettivo”, ovvero una barriera che si erge ogni qual volta ci si sente a disagio e in ansia, impedendo una buona resa nell’apprendimento di una lingua.

Ma attenzione: l’obiettivo qui è quello di acquistare un po’ di sicurezza con un dose di coraggio liquido. Per cui occhio a non dare fondo alle scorte del vostro pub di fiducia. Tra bere in compagnia un bicchiere di vino e biascicare parole senza senso c’è una bella differenza!

-Federica Ottaviano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *