Marion Stokes, la donna che ha registrato VHS per trent’anni

Negli USA una donna ha raccolto trent’anni di TV statunitense in 71mila VHS. Marion Stokes è stata l’unica persona in possesso di un archivio completo di trent’anni di televisione.

Marion Stokes

marion stokes, tv, televisione, usa, vhs, media, cultura, storia, stati uniti

Il viaggio inusuale di Marion Stokes inizia a Philadelphia, nel 1975. Una mattina di quell’anno, una donna si svegliò e prese una decisione. Da quel giorno in poi, Marion Stokes scelse di registrare ogni cosa che passava in televisione – news, pubblicità, film, show della sera – letteralmente ogni cosa. 

Vita in VHS

Da dove nasce l’idea ad una donna americana di documentare tutta la trasmissione televisiva di trent’anni? Tutto è stato recentemente raccontato nel documentario Recorder: the Marion Stokes Project. In questo documentario ci viene presentata l’interessante figura di questa donna. Marion Stokes era attivista, personaggio televisivo, era impegnata in politica, informazione e in tutto ciò che era ed è di interesse pubblico. 

Dalla sua storia si nota immediatamente quanto sia interessante la figura di questa pioniera della digitalizzazione, delle informazioni libere. Stokes è stata la custode della memoria collettiva statunitense per trent’anni.

L’archivio raccolto sarà adesso destinato ad un museo, ma l’intenzione principale che aveva mosso Marion Stokes a registrare la prima VHS quella mattina del 1975 era proprio la voglia di raccogliere informazioni, in modo da renderle accessibili a tutti.

Memoria collettiva

marion stokes, tv, televisione, usa, vhs, media, cultura, storia, stati uniti

Senza il suo contributo oggi non si avrebbe un archivio completo degli ultimi trent’anni di televisione statunitense. Marion Stokes era infatti l’unica persona in tutti gli Stati Uniti a compiere un lavoro del genere, lavoro che non veniva fatto neppure dalle stesse tv che trasmettevano i programmi che, per motivi di spazio e denaro, cancellavano in breve tempo gli archivi raccolti. 

Certamente il lavoro fatto da questa donna è costato tempo e fatica. Negli anni, infatti, nell’appartamento di Stokes arrivarono a lavorare fino a sette registratori contemporaneamente. Gli occhi di Mary Stokes sono rimasti aperti per tutti questi anni senza mai stancarsi, per chiudersi poi nel 2012, anno della sua morte. 

La sua eredità in VHS appartiene oggi alla famiglia, in attesa di essere digitalizzata, ordinata e custodita in  un museo. Qui sarà possibile assistere alla storia della tv, delle abitudini, dei discorsi, della quotidianità di una società che oggi esiste ancora grazie ad una donna che – dal suo appartamento – ha registrato la storia mentre veniva prodotta. 

-Serena Valastro

Serena Valastro

Laureata in Lingue e culture Europee, amante di cinema, musica, arte ed informazione. Scrivere è entrare in nuovi spazi, conoscere qualcosa di nuovo, vivere situazioni e sensazioni sempre diverse per trasmetterle a chi vuole viverle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *