Chi va e chi viene – il calciomercato delle big

Dopo tanto parlare la finestra estiva di calciomercato apre finalmente i battenti. In una delle estati più roventi degli ultimi anni i colpi infuocati non mancheranno sicuramente.
In questo articolo facciamo il punto dei maggiori movimenti, ufficiali o rumoreggiati, delle squadre che hanno raggiunto i primi quattro posti nell’ultimo campionato cercando di rispondere a due domande:
Chi va? Chi viene?

Juventus

L’estate dei campioni d’Italia è iniziata a fine maggio con l’addio del pentacampeón Massimiliano Allegri. 
Le voci, non molto autorevoli a onor del vero, che volevano Guardiola in direzione Torino, sono state smentite dalla società bianconera che ha annunciato Maurizio Sarri come nuovo tecnico. Al tecnico napoletano spetterà l’arduo compito di portare la Vecchia Signora all’ennesima riconferma in patria e al salto di qualità in Europa.

Chi va?

L’arrivo dell’ex acerrimo nemico porta un vento, nuovo e sicuramente fumantino che soffierà nelle vele di alcuni senatori spingendoli lontano. 
Il primo nome grosso a figurare sulla lista dei partenti è quello di Sami Khedira. Il tedesco, complici problemi fisici non indifferenti e abilità non adatte al nuovo tecnico, è sull’uscio. La destinazioni più probabili al momento per il tedesco sono il Beşiktaş ma soprattutto la ricca MLS.

Sulla lista nera anche Mario Mandžukić. Il croato si adatta poco ai principi di Sarri che, per quanto flessibili, preferiscono i giocatori tecnici a quelli combattivi. Anche in questo caso le riserve si scioglieranno in seguito ma i richiami più forti arrivano dalla Germania e dall’Estremo Oriente.
Occhio però. Mario è un combattente quindi non bisogna sottovalutare un tentativo di rimanere alla Continassa per provare a giocarsi le sue carte.

Carte che girano nel mazzo in cerca di collocazione sono quelle di João Cancelo e di Juan Cuadrado. I destini dei due esterni, diametralmente opposti l’ultima stagione almeno dal punto di vista del minutaggio, sono intrecciati a doppio filo.
Se il portoghese partirà per Manchester (da chiarire quale sponda) il colombiano potrebbe rimanere per provare a riscattare una stagione martoriata dagli infortuni. In caso contrario il buon e duttile Juan salperà verso nuovi lidi. Che possa fare gola ad un povero Diavolo?

In bilico (non tra santi e falsi dei) Dybala e Costa. I sudamericani hanno garra da vendere e sicuramente dimostreranno di avere cartucce da sparare in ritiro. Da definire la situazione di Higuaín che ritorna da Oltremanica ma è pronto a rifare le valige.

Con le valigie già disfatte nella Capitale è Leonardo Spinazzola, ceduto per 29,5 milioni.

 

 

Il 32enne Khedira sembra essere ai saluti
Il 32enne Khedira sembra essere ai saluti

Chi viene?

Arriva a zero da Londra il gallese Ramsey, ingaggiato dopo la scadenza del suo contratto con l’Arsenal. Assieme a lui è ufficiale anche Adrien Rabiot, ingaggiato anch’egli a parametro zero dopo la tormentata avventura al Paris Saint Germain. Tra gli arrivi certi figura anche Luca Pellegrini, il ventenne terzino della Roma rientrato nello scambio che ha portato Spinazzola dalla Mole al Cupolone.

I volti nuovi a Caselle non si fermano qui dato che le piste calde sono molte. La prima porta a Matthjis De Ligt, diamante cresciuto tra un canale e l’altro in quel di Amsterdam. L’affare non è ancora concluso ma la buona riuscita delle trattative ruota attorno al potentissimo agente Mino Raiola che probabilmente inserirà nel contratto dell’olandesino una clausola rescissoria di 150 milioni.
A puntellare la difesa sarà anche Demiral del Sassuolo; il turco si aggregherà al ritiro e verrà valutata la sua permanenza o la sua eventuale partenza in prestito.

Tra i nomi importanti c’è anche quello di Federico Chiesa, al momento congelato dato il cambio di società per la Fiorentina, e anche del mai dimenticato Gigi Buffon. In caso di ritorno del quarantunenne, pronto a battere alcuni record, ad essere ceduto sarà Mattia Perin. Potrebbe essere lui ad ereditare gli sciagurati guanti di Robin Olsen.

I sogni proibiti di Paratici e Nedvěd sembrano essere Pogba, Milinković-Savić e Icardi. Chi vivrà, vedrà…

Luca Pellegrini, 20 anni, passa alla Juventus per 22 milioni
Luca Pellegrini, 20 anni, passa alla Juventus per 22 milioni

Napoli

Se paragonata all’ultima stagione di Sarri, la recente annata del Napoli è stata deludente. Se il neo tecnico bianconero era arrivato a giocarsi il tricolore all’ultima giornata, il suo successore ha mollato ben prima del rush finale.
Vuoi l’ambientamento, vuoi una Juventus che viaggia ad una velocità differente ma Ancelotti non è riuscito ad arricchire la sua già spaziosa bacheca di trofei.

Chi va?

Chi fa più rumore è sicuramente Raúl Albiol. Arrivato dal Real Madrid nel 2013 il centrale spagnolo è pronto a lasciare la piazza alla quale tanto ha dato. Con un poco elegante benservito di De Laurentiis  , il 33enne tornerà in patria per unirsi al Villareal. 

In uscita anche Diawara, ufficializzato dalla Roma con un contratto di 2 milioni l’anno; in questo caso l’affare è strettamente legato alla trattativa Manolas.

Tra i partenti anche Verdi e Inglese. L’esterno sembrava essere arrivato a Napoli per il definitivo salto di qualità ma l’ultima stagione l’ha visto poco partecipe e integrato negli schemi di Ancelotti. Per lui potrebbero aprirsi le porte del Torino.
Discorso diverso per Bobby English che dal Vesuvio non c’è proprio passato dato che ha trascorso l’ultimo anno in prestito al Parma.
Alcune voci di mercato durante l’ultima sessione invernale lo davano come bloccato dall’Atalanta. Ora, invece, l’attaccante pugliese potrebbe andare al Sassuolo.

 

 

Chi viene?

Gli acquisti ufficiali sono al momento due: il primo è Giovanni Di Lorenzo, prelevato per 8 milioni dall’ Empoli.
Il secondo a vestire la maglia azzurra è Kōstas Manōlas. I partenopei hanno pagato la clausola rescissoria del greco, pari a 36 milioni, e hanno regalato un importante rinforzo a Mr. Carletto che, tra l’ex Roma e Koulibaly, potrà schierare una difesa rocciosissima.

La vera bomba che scalda i tifosi è però la trattativa che potrebbe portare il colombiano James Rodríguez alla corte di Ancelotti. Dal Napoli filtra ottimismo e lo stesso patron azzurro ha confermato la sua disponibilità a fare un sacrificio per rinforzare la rosa con un acquisto di primo livello.
Il Real Madrid, attuale detentore del cartellino, chiede una cifra intorno ai 50 milioni che renderebbe James il giocatore più costoso della storia azzurra.

 

James Rodriguez potrebbe ritrovare in Italia Ancelotti
James Rodriguez potrebbe ritrovare in Italia Ancelotti

Atalanta

“Alzi la mano chi avrebbe puntato un penny sul terzo posto dell’Atalanta.” Se si facesse questo giochino nei bar sport italiani le mani a sventolare sarebbero pochissime. La Dea ha sorpreso tutti con una stagione da sogno che l’ha portata al terzo posto, dietro solo a Juventus e Napoli, e con addirittura il migliore attacco del campionato.

Chi va?

Le parole del presidente Percassi a fine stagione possono riassumersi con una frase:«I pezzi pregiati vanno via solo per offerte clamorose». Un modo drastico per far capire ai club alla finestra che i vari Iličić, Zapata o Mancini lasceranno la Dea solo dietro il pagamento di prezzi esorbitanti che possano consentire di rimpiazzarli a dovere.  La dirigenza non vuole presentarsi in Europa come la Cenerentola di turno ma vuole giocarsi le sue carte.

In tal senso non sembra muoversi molto per quanto riguarda i giocatori in uscita da Bergamo. Gli unici in partenza potrebbero essere alcuni esuberi come Cornelius e Reca.

Andreas Cornelius potrebbe trasferirsi all'Hellas Verona (Tuttosport)
Andreas Cornelius potrebbe trasferirsi all’Hellas Verona (Tuttosport)

Chi viene?

Più movimentato il mercato in entrata. Pur senza stravolgimenti la proprietà vuole regalare a Gasperini una rosa che possa dare il meglio in tutte le competizioni.

Nonostante l’infortunio occorso Copa América, chi viene ufficialmente è Luis Muriel acquistato dal Siviglia. Il colombiano arriva dopo una carriera costellata di aspettative non sempre attese. Che la maturazione arrivi sotto la guida di Gasperini?

Altro sudamericano che potrebbe arrivare a Bergamo è João Pedro, messo nel mirino come sostituto di Iličić. Secondo Sky Sport il cagliaritano potrebbe trasferirsi per una cifra intorno ai 7 milioni di euro più il cartellino di Mattiello.

Come rinforzo in attacco, infine, la Dea potrebbe aver puntato Giovanni Simeone.

 

Riuscirà Muriel a rispettare le aspettative?
Riuscirà Muriel a rispettare le aspettative?

Inter

A concludere la nostra top four un’ Inter in gran spolvero e che dopo l’arrivo di Antonio Conte si candida a seria contendente della Juventus.
La rosa nerazzurra non sarà ancora ai livelli degli attuali detentori del titolo ma con quell’uomo in panchina, lo sappiamo, nulla è impossibile.

Chi va?

Se n’è parlato, se ne parla e se ne parlerà. Il caso Icardi va avanti da mesi e potrebbe trovare la sua svolta nella settimana che i nerazzurri trascorreranno in ritiro a Lugano. Le valutazioni di Conte peseranno in tal senso e tutte le speculazioni su una delle migliori punte in circolazione, prima di quel momento, rischiano di scivolare nel fantamercato.

Chi è sicuro di partire è invece Keita Baldé; il senegalese non è stato riscattato dall’Inter e per lui potrebbero aprirsi le porte della Premier.

Altro attaccante a dire addio è Pinamonti, ceduto al Genoa per 18 milioni.
Addio che però potrebbe tramutarsi in arrivederci. I buoni rapporti tra le due società potrebbero aver portato all’inserimento di una clausola di recompra a favore dei nerazzurri.

 

 

C'è futuro in questa Inter per Mauro Icardi?
C’è futuro in questa Inter per Mauro Icardi?

Chi viene?

Pronti, via ed è subito garra charrúa. Per quanto ufficioso da mesi, il primo acquisto ufficiale dell’Inter è Diego Godín che arriva a parametro zero dall’Atletico Madrid andando a comporre una linea arretrata di tutto rispetto con De Vrij e Škriniar.

Dopo l’uruguagio è il gigante Lukaku a scaldare i cuori dei tifosi della Benamata. Nonostante le parole al miele del belga nei confronti della società milanese, però, spetterà ai dirigenti dell’Inter convincere i Reds a cedere l’attaccante che nell’ultima stagione ha messo a segno 15 gol.

Altre ufficialità sono quella Valentino Lazaro, esterno 23enne prelevato dall’ Herta Berlino per 21 milioni più bonus, e di Sensi, che nella giornata di oggi svolgerà le visite mediche.

Passando a trattative che sembrano raffreddarsi è doveroso parlare di Barella. Il centrocampista sardo sembrava essere stato bloccato tempo ma il presidente del Cagliari Giulini ha dichiarato che i contatti con l’Inter sono in una fase di stallo da più di due settimane, aggiungendo che Nicolò potrebbe essere ceduto alla Roma.

A proposito di Roma è da segnalare l’interesse dei milanesi, da tempo ormai, per Džeko. La trattativa per il bosniaco stenta a decollare e potrebbe essere legata all’ affaire Barella.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *