Caravaggio, luce dipinta nei secoli

Oggi, quattro secoli e qualche anno fa (il 18 luglio 1610) moriva un uomo che ha messo su tela la sua realtà: Michelangelo Merisi, Caravaggio.

Arte immortale

caravaggio, michelangelo merisi, pittura, arte, barocco, dipinto, quadro

I volti, le espressioni facciali, i gesti, la danza della luce. Caravaggio ha regalato tutto questo a secoli di generazioni future che ancora oggi possono ammirare la sua arte e rimanerne inchiodati. L’arte di Caravaggio è poesia su tela, è pace, è dolore straziante, è qualcosa di cui l’anima non può fare a meno; ecco perchè siamo ancora oggi tanto catturati dai dipinti di questo artista immortale, che ha vissuto una vita intensa e frenetica tra luci ed ombre, come i suoi dipinti.

La storia

Michelangelo Merisi, detto Caravaggio, nasce a Milano nel settembre del 1571.  Nel 1584 diventa allievo del pittore bergamasco Simone Peterzano, a sua volta allievo di Tiziano. Si trasferisce poi a Roma, dove venne inserito fra la servitù di Pandolfo Pucci, un nobile locale. 

caravaggio, michelangelo merisi, pittura, arte, barocco, dipinto, quadro

La vita di Caravaggio cambia però nel momento in cui il cardinal Francesco Maria del Monte acquista “I bari”, avvenimento che determinerà fino al 1600 il suo trasferimento a Palazzo Madama, residenza del cardinale. 

La sua attività di pittura prosegue, non senza accuse di irriverenza e volgarità alle sue opere e soprattutto risse, l’ultima della quale lo segnerà a vita: nel 1606 uccide il suo avversario, atto che lo costringerà a vivere gli ultimi anni della sua vita in fuga, verso l’Italia meridionale, a Malta, in Sicilia e infine a Napoli. 

Proprio a Napoli Caravaggio rimane gravemente ferito dopo un’aggressione, mentre i suoi protettori tentano di ottenergli la grazia. Mentre è diretto verso lo Stato Pontificio, a Porto Ercole il pittore viene arrestato per errore, per poi essere subito liberato. In questo momento però la febbre lo colpisce: nel 1610 Caravaggio muore solo e in miseria, appena prima dell’annuncio dell’approvazione della domanda di grazia.

caravaggio, michelangelo merisi, pittura, arte, barocco, dipinto, quadro

L’uomo che una volta viaggiava sullo scenario dell’Italia barocca vive oggi nel palcoscenico delle sue opere, tra le pennellate di una luce dipinta nei secoli.

-Serena Valastro

Serena Valastro

Laureata in Lingue e culture Europee, amante di cinema, musica, arte ed informazione. Scrivere è entrare in nuovi spazi, conoscere qualcosa di nuovo, vivere situazioni e sensazioni sempre diverse per trasmetterle a chi vuole viverle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *