Le sardine nuovamente in piazza: Catania non si lega

Da settimane le Sardine hanno invaso l’Italia. Alla manifestazione iniziale di Bologna ne sono seguite altre. Parma, Modena, Rimini, Ferrara, Firenze, Palermo, Napoli: sono alcune delle città in cui le sardine sono scese in piazza contro una politica demagogica e portatrice di odio. A breve toccherà anche a Roma (il 14 dicembre) e Catania (questo sabato alle ore 18:00 presso la Fontana dell’Amenano). 

Chiamo una delle organizzatrice della manifestazione catanese, Loretta Nicolosi. Nonostante gli impegni e la stanchezza ha qualche minuto per parlare con me. 

Loretta, ormai manca meno di una settimana alla manifestazione catanese delle sardine. A che punto sono i lavori?         

 A buon punto. Stiamo lavorando affinché anche a Catania ci possa essere una manifestazione pacifica, gioiosa e che rispetti l’ambiente e la città, nonostante a Catania sia un po’ difficile organizzare questo tipo di eventi… 

Perché?                                                                                                                         

Per via di un certo “colore” politico che adesso è predominante nella nostra città.                                                                                                                                 

Eppure Catania ha respinto Matteo Salvini, sia quest’estate che quella precedente con il caso Diciotti. In realtà, le basi sembrano esserci.         

Sì, assolutamente. Ricordiamo anche che lo slogan di queste manifestazioni è nato a Catania quest’estate, quando in uno dei balconi di Piazza Duomo comparve uno striscione con scritto Catania non si lega. Non dimentichiamo nemmeno il caso Diciotti e tutte le manifestazioni di protesta che ci furono in quei giorni. In un certo senso possiamo dire che le sardine sono nate a Catania.                       

Sardine a Catania                                                                                       

Com’è nato il gruppo delle sardine catanesi?                                                     

Abbiamo sentito l’esigenza di unirci e di prendere parte a questo grande fenomeno. Il nostro è un gruppo di amici, colleghi, conoscenti che condividono gli stessi valori.                                                                                     

Nonostante il successo di queste ultime settimane, qualcuno non ha ancora chiaro cosa siano le sardine e quali siano i loro valori.                  

È difficile spiegare cosa siano le sardine. Per farlo bisogna partecipare a una  manifestazione. Consiglio a tutti di venire sabato per capire bene chi siamo e cosa facciamo.                                                                                 

Nate per opporsi alla prima giornata di campagna elettorale del centrodestra in Emilia Romagna, le sardine hanno continuato a riempire le piazze in tutta Italia. A cosa credi sia dovuto tanto successo?                                                                                                                       

Credo sia dovuto al fatto che un’Italia così cattiva non si sia mai vista. Dunque credo sia importante per la gente vedere e partecipare a manifestazioni positive alle quali sono presenti persone di tutte le età e senza appartenenza politica. 

Sardine    

Sull’appartenenza politica Salvini ha qualche dubbio. Infatti afferma in maniera convinta che dietro alle sardine ci sia la mano del Partito Democratico.                                                                                                                 

(Ride). A parer mio, quella di Salvini è solo pubblicità. Dietro le sardine non c’è nessuno.                                                                                                            

Come nasce una manifestazione delle sardine? Attraverso quali canali vi muovete per portare in piazza migliaia di persone di tutte le età e senza alcun colore politico?                                                                                   

Principalmente con il passaparola tra amici, conoscenti, colleghi di lavoro, vicini di casa. Poi ovviamente con i social network. Alla luce di quello che poi sarà il numero effettivo, credo che il successo o meno della manifestazione sia quello di mandare un messaggio. Che ci siano migliaia di persone o poche centinaia a noi non interessa.                                                     

Passato sabato, finita la manifestazione, cosa ne sarà delle sardine catanesi?                                                                

Non lo sappiamo. Sappiamo però di aver dato tanto per questo progetto. Poi, chissà. 

Francesco Guerra                                                             

Francesco Guerra

Studente, speaker radiofonico, cinefilo, accanito lettore, ex calciatore miseramente ritiratosi dall'attività a soli 17 anni. Insomma, un tipo strano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *