Eminem spezza la routine e sorprende i fan

Sono le sei del mattino in Italia, mezzanotte negli Stati Uniti, nessuno si sarebbe aspettato una cosa del genere, ma senza annunci, senza spoiler il noto rapper Eminem lancia il suo album “Music To Be Murdered“.
Totalmente inaspettato, ma un artista del calibro di Eminem può permettersi di fare una cosa del genere, senza grandi lanci, o annunci su i canali social, come spesso viene fatto da molteplici artisti.
Quest’album rispecchia pienamente lo stile dell’artista, che non è mai scontato e monotono.

Qualcuno potrebbe dire che forse 20 brani sono eccessivi, ma parliamo di Eminem che di cose da dire ne ha parecchie, per alcuni non sono nemmeno abbastanza.

L’album è ricco di collaborazioni che passano da Ed Sheeran a Juice WRLD, morto a soli 21 anni lo scorso 8 dicembre.

Ma analizziamo i brani contenuti all’interno di quello che sarà l’ennesimo successo dell’artista.

I brani

Premonition si apre con le urla di una donna , un intro di circa tre minuti che ci fa capire esattamente quale sarà lo stile di questo album. Basi profonde, da definire quasi oscure, dai toni bassi. Una dedica alla musica, che parla anche degli ultimi omicidi avvenuti negli ultimi tempi nella scena americana.
Unaccommodating, feat Young M.A , è ricca di citazioni , tra cui Thanos, l’ineluttabile personaggio della Marvel, che scorrono su un beat molto ben collegato a quello dell’intro.
Uno dei brani più interessanti è proprio quello con Juice WRLD, dove Eminem mostra le sue abilità nell’andare in extrabeat.
Darkness, ha come base la celebre intro di The Sound of Silence, di Simon & Garfunkel, che tutti conosciamo benissimo, accompagnata da urla e spari di sottofondo.
Leavin Heaven ha un ritornello ipnotico, degno delle migliori pubblicità di profumi costosi con super modelli come testimonial,mentre Yah Yah rimanda molto agli anni novanta, ma solo nell’intro.
Tutto l’album è scorrevole nonostante i numerosi brani, che sono legati benissimo l’uno all’altro. Nota di merito a chi si è occupato delle basi al pianoforte che rendono tutto più struggente e intimo.

Chi è Eminem?

Succede spesso che molti artisti li conosciamo solamente per sentito dire e non mi siamo mai soffermati su quello che è il loro trascorso musicale.
Classe 1972, il suo primo successo arriva nel 1999 con il singolo My Name Is.
Nel 2013 vince il premio Global Icon, precedentemente assegnato ai Queen, Bon Jovi e Whitney Houston. Entra nel Guinnes World Record con il brano Rap God dove pronuncia 1560 parole in 6 minuti e 4 secondi, di cui 97 pronunciate  in soli 15 secondi.

Come sempre Eminem non delude i suoi fans sorprendendoli con l’ennesimo successo che siamo certi scalerà le classifiche.

Roni Fasciani

Roni Fasciani

26 anni, studentessa di Lingue con la valigia sempre pronta per viaggiare. Immancabile le cuffie per poter sentire la musica, sua fedelissima compagna di vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *