L’architettura che ci emoziona: trucchi per vivere meglio la città – Giochiamo a nascondino

Vi ricordate quando da piccoli giocavamo a nascondino? C’era chi contava e chi si nascondeva; uno, due, tre, e il gioco iniziava. Oggi voglio proporvi una cosa diversa: proviamo a giocare tutti insieme, ma questa volta il campo da gioco è la città.

Stare insieme è sicuramente qualcosa di meraviglioso: gli spazi pubblici sono sempre pensati come luoghi per estroversi, per incontrarsi e scambiare informazioni. Eppure, ognuno di noi ha dei momenti in cui sente il bisogno di stare da solo. La solitudine è un piccolo regalo che ci possiamo fare tutti i giorni: ci permette di fare chiarezza e mettere ordine tra i nostri pensieri.

Ecco perché ogni spazio dovrebbe essere pensato anche per i timidi, ovvero per coloro che preferiscono rimanere in silenzio in una città che non smette mai di parlare.

In un primo momento, sembrerebbe impossibile pensare di trovare un luogo tranquillo nel caos della città: certe volte siamo costretti a trascorrere i pochi momenti di solitudine che prendiamo per noi sempre in compagnia di altri; e seppure siano molto utili, i telefoni, con tutti quei social, non ci aiutano molto.

Eppure, ognuno di noi può affermare di avere un luogo speciale, un piccolo rifugio, dove possiamo nasconderci quando abbiamo bisogno di trascorrere del tempo da soli. Che sia un parco, una chiesa, un cortile tranquillo, una strada speciale, una panchina particolare, un balcone o il tavolo di qualche bar del quartiere: si tratta di un posto dove le parole della città finalmente si fermano e si può pensare a sé stessi. Perché scegliamo questo luogo lo sappiamo solo noi: un bacio, una litigata, una risata, un abbraccio mancato e uno dato. L’unica cosa veramente importante è che quel posto è solo nostro, lo custodiamo perché è unico e speciale, e qualche volta ci facciamo entrare anche qualcuno di cui ci fidiamo.

Allora che dite, giochiamo a nascondino? Ognuno nel suo posto speciale.
Io sono pronta.
E voi?

 

Diana Signorelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *