Le migliori (o peggiori) 5 bufale al tempo della quarantena

Complottisti, arrivisti politici e mercanti di panzanate si stanno muovendo pure, e soprattutto, durante questa fase di quarantena. Perché niente è più contagioso della paura.

E per rendere omaggio a questi “artisti” da social, abbiamo selezionato per voi 5 tra le migliori o peggiori, a seconda dei punti di vista, bufale circolante in questo periodo.

La Germania con i suoi 550 miliardi

Oramai è diventato il simbolo delle bufale da quarantena al tempo del Covid-19. Stiamo parlando del meme col quale si “evidenzia” come la Germania (e altri Paesi) abbia messo sul piatto, per l’emergenza, ben 550 miliardi di euro contro i “soli” 25 dell’Italia. Di questa bufala esiste anche la versione “hardcore” che vede i teutonici intenti a stamparli tutti quei miliardi.

Ovviamente non è così: i Paesi dell’area euro, come la Germania, non stampano moneta autonomamente. Inoltre, nei 25 miliardi italiani ci sono delle misure approvate per sostenere i cittadini, come assegni per le baby-sitter. Mentre i 550 miliardi promessi dal governo tedesco sono altro. Per essere precisi sono delle garanzie per prestiti, che poi andranno restituiti, date dalla banca pubblica KFW, equivalente tedesca della Cassa Depositi e Prestiti, e messe a disposizione del sistema produttivo, ovvero le imprese, in difficoltà. Anche l’Italia ha messo simili garanzie in campo per un importo pari a 350 miliardi.

Bufala 1

Putin e i leoni 

In un momento del genere non poteva non far la sua scesa in campo uno dei protagonisti indiscussi del panorama bufalaro internazionale: Vladimir Putin. Una delle fake news circolate recentemente riguarda una singolare misura di contenimento, di quarantena che avrebbe messo in campo dal Presidente Russo. Putin avrebbe liberato 500 leoni per le strade russe, in modo da costringere le persone a non uscire. Lo testimonierebbe persino una foto presa da un noto telegiornale.
Misura mai presa in realtà e immagine falsa. La foto è stata scattata nel 2016 a Johannesburg, in Sud Africa, e ritrae un leone di nome Columbus immortalato mentre gironzolava per le strade della città.
Non sarebbe una misura da imitare, siamo comunque in quarantena e non dovrebbe essere necessaria la paura di farsi divorare per far rispettare le regole.

Columbus

Lagarde odia i vecchi

Christine Lagarde, attualmente a capo della BCE, ha recentemente rilasciato delle dichiarazioni a dir poco discutibili. Una vera e propria gaffe, tanto che persino il Presidente della Repubblica Mattarella è intervenuto per commentare la vicenda.
Le parole della governatrice hanno nutrito i sentimenti di una vasta platea di anti-europeisti, tanto che qualcuno ha deciso di rilanciare mettendo in bocca a Lagarde frasi mai pronunciate.
In uno dei meme circolati recentemente avrebbe addirittura detto: “gli anziani vivono troppo e sono pericolosi per l’economia mondiale”.
La frase è falsa ma il numero di like e condivisioni prodotti da questa immagine è purtroppo reale.
Ad ogni modo, Lagarde si è scusata per le parole che ha realmente detto e la BCE è intervenuta, con i mezzi a sua disposizione, a favore dell’Italia e della sua economia. Purtroppo, nessun titolo o esperienza, per quanto prestigiosa, mette al riparo da gaffe e scivoloni.

odia i vecchi, Quarantena, samaritan's purse, aiuti umanitari, covid 19, italia, russia, putin, leoni, bufale, fake news, notizie false, MILLENNIALS

La Cisterna piena di Virus

Anche la prossima bufala è diventata talmente virale da rappresentare un po’ il simbolo del momento. In un’immagine, iniziata a circolare il 14 di marzo, si vede una cisterna ferroviaria statunitense recante la scritta “COVID 19”. L’intento di chi l’ha condivisa la prima volta era ironico, ma qualcuno ha subito pensato di crearci attorno una bella storia complottara di contorno. La cisterna sarebbe parte di una spedizione del virus diretta in Cina ed è la chiara dimostrazione che tutto il contagio è stato orchestrato dai “Poteri Forti”.
Tutto ciò è semplicemente falso, frutto di un fotomontaggio. Innanzitutto, “COVID 19” non è il nome tecnico della malattia che è invece chiamata SARS-CoV-2. In secondo luogo, è difficile pensare ad un ingegnoso “Potere Forte” che trasporta la sua “arma segreta” all’interno di banali cisterne con addirittura il nome del virus in bella vista sulle fiancate.
Del caso si è occupato anche il sito di fact checking Snopes che ha inoltre rilevato come la scritta non sia conforme agli standard ferroviari USA:

“Negli Stati Uniti i vagoni ferroviari riportano i marchi di segnalazione assegnati dall’Associazione delle ferrovie americane che consistono in due o quattro lettere seguite da un numero di massimo sei cifre e indicano la proprietà del macchinario”.

vagone ferroviario, Quarantena, samaritan's purse, aiuti umanitari, covid 19, italia, russia, putin, leoni, bufale, fake news, notizie false, MILLENNIALS

Cina, Russia e Cuba ci aiutano l’UE e i Paesi Europei NO!

Finiamo in bellezza con una delle polemiche/notizie false del momento di quarantena. Da quanto l’Italia è diventata il Paese, dopo la Cina, più colpito dal Covid-19, altre Nazioni hanno inviato aiuti umanitari.
Su tutte la Cina, primo produttore al mondo di mascherine e molti articoli medici, in poco tempo ha donato (direttamente o tramite le sue aziende legate comunque allo Stato) o venduto milioni di mascherine al nostro Paese. Da Cuba sono arrivati medici mentre dalla Russia sono giunti macchinari e professionisti.
Alcuni tendono ad escludere dalla lista, in maniera più che pretestuosa, Stati Uniti e Unione Europea. Il 22 marzo un aereo militare USA ha trasportato nel nostro Paese un sistema mobile di stabilizzazione dei pazienti (Erpss), un’unità che fornisce 10 posti letto e può supportare un totale di 40 pazienti per un periodo di 24 ore. La ONG Samaritan’s Purse, sempre americana, ha allestito un ospedale da campo vicino Cremona.

Samaritan's Purse, Quarantena, samaritan's purse, aiuti umanitari, covid 19, italia, russia, putin, leoni, bufale, fake news, notizie false, MILLENNIALS
Il DC8 della Samaritan’s Purse a Verona. Con questo velivolo la ONG americana ha trasportato il materiale per la costruzione di un ospedale da campo. Fonte. larena.it

Gli aiuti Europei

Per quanto riguarda L’Europa bisogna specificare il contesto. Ogni Paese europeo è stato, in qualche misura, colpito dalla pandemia. Questo ha spinto i singoli governi, così come ha fatto l’Italia, a bloccare l’export sanitario. Inoltre, l’UE è limitata nei suoi interventi rispetto a quanto possono fare i singoli Paesi membri. L’Unione è un “Paese in potenza” che comunque ha iniziato a prendere delle misure a favore dell’Italia, in campo economico e spingendo alcuni Stati, come Francia e Germania, allo sblocco delle esportazioni mediche. C’è da ricordare inoltre che BCE e UE sono entità separate e indipendenti l’una dall’altra.
Nonostante ciò anche alcuni singoli Stati hanno teso una mano. Il 19 marzo sono arrivate, da Colonia, 7 tonnellate di attrezzature per l’assistenza respiratoria ed altri apparati di supporto. Mentre il 22 marzo il nostro Ministro degli Esteri ha annunciato l’arrivo di una donazione, dal “cuore dell’Europa”, di 2 milioni di mascherine.

Aiuto Germania, Quarantena, samaritan's purse, aiuti umanitari, covid 19, italia, russia, putin, leoni, bufale, fake news, notizie false, MILLENNIALS
Oltre all’invio di materiale medico la Germania, per l’esattezza alcuni dei suoi Land, ha aperto i propri ospedali ai malati Covid-19 italiani. Nella foto 2 pazienti lombardi sono stati trasportati in Sassonia da un aereo dell’Aeronautica Militare. Fonte: Corriere.it.

Una prima selezione

Queste sono solo 5 bufale da quarantena tra le più diffuse, ma ce ne sono molte altre. Alla fine dell’emergenza sarebbe possibile raccoglierle tutte in un libro di notevoli dimensioni. Rispetto al solito alcune sono anche più articolate, con meccanismi sottesi più complessi ma ad ogni modo semplici da far deglutire al grande pubblico. Si distaccano nettamente dalle immagini ironiche e satiriche.
Chi le diffonde è spinto da vari motivi: scherzo, interesse politico o accaparramento di like. Sono veri e propri avvelenatori di pozzi che, specialmente in un momento del genere, non servono a nulla.
In questi casi, ma in realtà sempre, il consiglio è quello di utilizzare per informarsi più fonti attendibili, verificarle, incrociarle e diffidare sempre.

Altrimenti Putin vi fa entrare un leone in casa… Io vi ho avvertito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *